Tempo di lettura: 2 Minuti

Mangiare in Cina: un excursus sul cibo cinese tra amori e delusioni

Mangiare in Cina: un excursus sul cibo cinese tra amori e delusioni

Famoso e apprezzato in tutto il mondo il cibo cinese è una delle parti più belle e soddisfacenti del vivere in Cina. Vi racconto la mia esperienza! D

Pasta amore mio!
“Sei ciò che mangi”, o meglio il nuovo motto di una bizzarra mensa scolastica
L’Hamburger di carne senza carne

Famoso e apprezzato in tutto il mondo il cibo cinese è una delle parti più belle e soddisfacenti del vivere in Cina. Vi racconto la mia esperienza!

Dopo avervi dato una bella infarinatura su come si vive in Cina, nella mia rubrica Crocanche di una studentessa in Cina di certo non può mancare un focus sulla cucina Cinese. Ho viaggiato in molti paesi e vi ho sempre riportato qui su FacceCaso le mie esperienze anche culinarie. Con il tempo ho imparato a mangiare di tutto e dappertutto senza alcun problema, ma qui in Cina ce n’è davvero per tutti i gusti, è praticamente impossibile rimare insoddisfatti dal cibo cinese.

I noodles

I noodles sono conosciuti in tutto il mondo, e anche in Italia con molta facilità si riescono a reperire noodles davvero gustosi. Ma la cosa che ho scoperto qui in Cina è che di noodles ce ne sono centinaia di tipi, e non parlo del condimento! Ciò che mi ha lasciata davvero a bocca aperta è la varietà di forme di noodles diversi.

In particolare una forma di noodles ha rubato il mio cuore per sempre: quelli che io chiamo “tagliatelle“. Infatti, la forma è proprio quella delle nostre tagliatelle se non più grandi ancora. Per mangiarle con le bacchette è sempre un’impresa ma vi assicuro che ne vale la pena!

Poi ci sono i noodles quelli fini fini, stile spaghettini che di solito sono sempre serviti in brodo. E poi ci sarebbero altre mille forme di noodles, e anche tutte quelle che devo ancora provare. Insomma, il mondo dei noodles non è banale come si crede, è tutto da esplorare.

I ravioli

Un’altra “banalità” della cucina cinese sono i ravioli (cosiddetti jaozi) uno dei motivi principali per cui ho deciso di venire in Cina. Scherzi a parte, devo dire che anche qui ho scoperto un mondo. In Italia ero abituata a mangiare i ravioli alla piastra che adoravo ma, a mio malincuore, ho scoperto che qui a Pechino quelli alla piastra non esistono! Nella mia disperazione mi sono dovuta adattare ai mille tipi di ravioli al vapore che ho incontrato in questi due mesi e mezzo. Bianchi, colorati, con i più vari tipi di ripieni ecc..

Jaozi

Attenzione però che oltre ai ravioli quelli che troviamo anche in Italia, un’altra specialità sono i “baozi”, che assomigliano vagamente ai ravioli ma hanno un impasto completamente diverso. Quest’ultimi sono più grossi e l’impasto è morbido e spugnoso.

Baozi

Le verdure

Anche coloro che non apprezzano le verdure in Cina non potranno farne a meno! Qui le verdure vengono preparate in tantissimi modi diversi, con i più svariati condimenti. Tra le mie preferite ci sono quelle saltate in padella con spezie e peperoncino, ma anche quelle accompagnate da un sughetto che non sono ancora riuscita ad identificare di cosa sia fatto. In ogni caso sono sempre buonissime, con un po’ di riso in bianco poi stanno benissimo.

Fagiolini saltati in padella, con MOLTO peperoncino

Melanzane e patate

Le cose che non vorrei provare

Oltre a tutto il mondo delle cose deliziose da provare in Cina, c’è tutto un mondo parallelo di quelle cose che non riesco nemmeno a guardare. Poi sono gusti ovviamente! Uno dei piatti più gettonati sono infatti le zampe di gallina. Vere e proprie zampe tutte intere che si possono trovare sotto varie forme: sia al ristorante con qualche sugo, sia nei supermercati sotto forma di snack. Non so se avrò mai il coraggio di provarle.

Zampe di gallina

In questa categoria potrei inserire anche tutto il mondo degli insetti fritti, quelli fanno un po’ meno impressione delle zampe, ma certo anche lì ci vuole un po’ di coraggio!

Il tutto accompagnato da… acqua bollente!

Dulcis in fundo, qui sono rimasta sconvolta: ordinare al ristorante dell’acqua, significa ordinare un bicchiere o una ciotola di acqua calda bollente. Ebbene sì, qui in Cina si beve acqua calda anche quando fanno 30 gradi e sinceramente devo ancora capirne il motivo!

P.s.: Un’ultima cosa vi volevo dire a proposito di cibo cinese: non ho ancora MAI trovato gli “involtini cinesi”. Mi sto seriamente iniziando a domandare se siano veramente una pietanza tipica del Paese. Su questo vi tengo aggiornati! 

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0