Tempo di lettura: 2 Minuti

Chi è Lucia Azzolina, neo Ministro della Scuola?

Chi è Lucia Azzolina, neo Ministro della Scuola?

A Natale le dimissioni di Fioramonti, ora chi prenderà il suo posto? Sono due i nuovi Ministri dell'Istruzione: Gaetano Manfredi e Lucia Azzolina. Qu

Cosa fare nel weekend: street art tour in LIS al Pigneto
Midollo osseo : 88 nuovi giovani donatori a Padova
Ai poster l’ardua sentenza: Twitter e le “sue” classifiche universitarie

A Natale le dimissioni di Fioramonti, ora chi prenderà il suo posto? Sono due i nuovi Ministri dell’Istruzione: Gaetano Manfredi e Lucia Azzolina.

Qualche giorno fa vi avevamo raccontato le dimissioni del Ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti. I dissidi tra il ministro e il governo, insanabili, si dovevano agli scarsi fondi destinati alla scuola e all’università nell’ultima Legge di Bilancio. Arrivava così una letterina, non a Babbo Natale, ma al premier Giuseppe Conte, riportante le suddette dimissioni.

Chi prende il posto di Fioramonti?

Sorpresa sorpresa, non ci sarà un solo ministro a guidare Scuola e Università; a prendere le mansioni di Fioramonti saranno, infatti, in due: Gaetano Manfredi, neo ministro dell’Università e della Ricerca, e Lucia Azzolina, cui è andato il Ministero della Scuola (di lui vi parliamo in questo articolo qui).

Lucia Azzolina, nata a Siracusa nel 1982, diviene docente di ruolo nel 2014, a Biella, per poi occuparsi di diritto scolastico, a fronte di una doppia laurea in filosofia a giurisprudenza. Diventata sindacalista Anief, inizia la propria battaglia contro le “classi pollaio”: massimo 22 alunni per classe, con un’apertura fino a 23 qualora residuino resti.

Nelle elezioni di marzo 2018 è la donna più votata nella sua circoscrizione, sotto il Movimento 5 Stelle, divenendo Parlamentare della Repubblica Italiana.

Come spesso accade per i parlamentari del M5S, è a Facebook che decide di donare le sue prime impressioni sull’assegnazione del Ministero della Scuola.

C’è tanto lavoro da fare. E lo faremo. A testa bassa, con umiltà, attraverso l’ascolto, il confronto e continuando ad andare nelle scuole, come ho fatto in questi mesi da Sottosegretaria. Ringrazio il Presidente Conte per la fiducia”.

Mi aspetta un compito grande. Non sarò sola: al Ministero in questi primi mesi ho già condiviso. Con una squadra di persone ed esperti, il percorso del decreto scuola e avviato i primi dossier. E poi c’è il personale del Miur. Ci sono tante persone preparate con cui ci metteremo subito al lavoro per il bene della scuola”.

E ce lo auguriamo tanto anche noi, Ministro.

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0