Tempo di lettura: 1 Minuti

Coronavirus e…grafene nel TG USA 2.0

Coronavirus e…grafene nel TG USA 2.0

Nell'edizione odierna parliamo del temutissimo coronavirus, tra diffusione e cure, ma non solo. Per cui restate con noi. Era andato in ferie qualche

Tra Google e Grillo 2 milioni di ragioni per leggere il TG USA 2.0
Dalla Florida all’Italia: quando la violenza giovanile dilaga a macchia d’olio
Primo giorno di scuola dopo i disastri di ieri

Nell’edizione odierna parliamo del temutissimo coronavirus, tra diffusione e cure, ma non solo. Per cui restate con noi.

Era andato in ferie qualche mese fa facendo piangere moltissimi lettori di FacceCaso; adesso, però, è tornato nella sua versione 2.0, pronto a scuotere i vostri giovedì con le sue bombe e con qualche novità. E’ il TG USA ladies and gentlemen, siete carichi? E allora daje; anzi, C’MON!

😮Riciclaggio scientifico

Trasformare la spazzatura in grafene? Da oggi potrebbe essere possibile grazie agli scienziati della Rice University di Houston che, guidati dal chimico James Tour, hanno messo a punto un sistema veloce e soprattutto poco dispendioso per convertire grosse quantità di rifiuti alimentari e plastica in fiocchi di grafene. Il metodo, chiamato Flash Graphene, è stato illustrato in dettaglio nello studio “Gram-scale bottom-up flash graphene synthesis”, pubblicato ad inizio settimana su Nature.

Curiosità della settimana: la Cornell University di Ithaca (New York) è stato il primo ateneo misto della Ivy League (la lega delle 8 più prestigiose università private degli Stati Uniti). La prima donna fu infatti ammessa nel 1970, appena due anni dopo la sua inaugurazione.

😠Coronavirus non ti temiamo

Sembra essere questo il messaggio lanciato dai ricercatori della University of Texas Medical Branch di Galveston, guidati dal professor Thomas Ksiazek. Dopo aver lavorato su Sars ed Ebola, infatti, il team dell’ateneo texano sembra essere pronto ad una nuova sfida: trovare un vaccino che blocchi lo sviluppo del virus cinese. Ksiazek è convinto che non ci vorrà molto per mettere a punto il vaccino; un po’ più di tempo, invece, potrebbe richiedere la fase regolatoria che ne precederà la diffusione.

Si è laureato a…New Haven. Stiamo parlando del protagonista di Fight Club Edward Norton, che ha conseguito una laurea in Storia e Cultura Orientale presso la Yale University.

😷Il Risiko virale

Mentre in Texas si cerca di capire come fermare l’espansione del coronavirus, a Baltimora si cerca di capire proprio come si espande. Basandosi sui dati diffusi dalla OMS, dal Centers for Disease Control, dalla community cinese Ding Xiang Yuan e dalla Commissione Nazionale per la Salute, la Johns Hopkins University ha infatti creato una mappa interattiva (consultabile qui) che mostra lo sviluppo del virus sia dentro che fuori la Cina.

Per questa settimana è tutto cari lettori. Il TG USA 2.0 vi saluta, vi ringrazia, vi augura una buona serata e come sempre vi invita to be careful; insomma, a FacceCaso.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0