Tempo di lettura: 2 Minuti

A scuola con… Amadeus!

A scuola con… Amadeus!

Che scuola hanno frequentato i VIP italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuovissima rubrica. Oggi tocca all'uomo del momento: Amadeus. Vi siete mai c

Scuola: religione si o religione no?
4 spaventosi consigli per Halloween 2018
I singoli del Venerdi: speciale Sanremo

Che scuola hanno frequentato i VIP italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuovissima rubrica. Oggi tocca all’uomo del momento: Amadeus.

Vi siete mai chiesti quale scuola avessero frequentato da adolescenti personaggi come Salvini, PIF o Salmo? Noi sì. E visto il successo della nostra rubrica sugli sportivi, abbiamo deciso di allargare il campo, includendo nella nostra indagine attori, musicisti, politici e chi più ne ha più ne metta.

Quest’oggi proseguiamo il nostro cammino di avvicinamento alla 70esima edizione del Festival di Sanremo, scavando nel passato studentesco dell’uomo che cercherà di condurre la nave in porto. È ormai chiaro che stiamo parlando del presentatore di questo Festival, il grande Amadeus.

La direzione artistica della rassegna canora sanremese è sicuramente il traguardo professionale più ambito dai conduttori televisivi italiani e lo è soprattutto per uno come Ama, che in cuor suo questo mestiere lo ha sempre voluto fare, fin dai tempi delle scuole superiori. Tempi che non furono affatto semplici per l’ex disc jockey di Radio Deejay.

A scuola, infatti, studiava soltanto le materie che gli piacevano, trascurando completamente le altre. Le più gradite erano italiano e inglese, nelle quali (a suo dire) riusciva a prendere voti piuttosto alti (8 e 9), mentre la sua bestia nera era certamente la matematica, che gli fruttò diversi 3.

Eppure, dopo aver frequentato per 4 anni l’agrario presso il “Marcantonio Bentegodi” di Bovolino (Verona), virò su un istituto decisamente più “scientifico” come quello per geometri, presso il quale si diplomò. Fu un diploma decisamente sofferto, ottenuto solamente dopo aver assicurato a tutta la commissione esaminatrice che non avrebbe mai esercitato quella professione.

Loro se la bevvero, lo rispedirono a casa con un bel 36 (all’epoca era il minimo) e lui mantenne la promessa. Da allora si dedicò esclusivamente alla conduzione e il diploma lo lasciò attaccato alla parete della sua cameretta. D’altronde lo prese soltanto per far contenti i suoi genitori, che saranno sicuramente molto più felici di vederlo martedì sul palco dell’Ariston.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0