Tempo di lettura: 2 Minuti

Scrivere la tesi? No panic!

Scrivere la tesi? No panic!

Scrivere la tesi può essere un momento davvero stressante. Ecco qualche consiglio per affrontare l'ansia. Sono appena uscita da uno dei periodi più s

Mnemotecnica: memorizzare 100 pagine in 20 minuti
Bere per…. sperare che la pandemia finisca. Troppo alcol in quarantena…
Manchester, applausi per…nessuno

Scrivere la tesi può essere un momento davvero stressante. Ecco qualche consiglio per affrontare l’ansia.

Sono appena uscita da uno dei periodi più stressanti della mia vita: quello dello scrivere la tesi. Sto per finire il percorso universitario e questo (insieme alla discussione) è stato un momento carico di ansia. Ho pensato, quindi, che una mini-guida potesse essere d’aiuto a chi come me è alle prese con questo periodo.

Scegli un argomento che ti appassiona. Basti pensare che per almeno due mesi leggerai solo ed esclusivamente documenti e libri che riguardano un solo argomento. È necessario, quindi, che questo tema ti appassioni davvero, altrimenti scrivere e leggere diventerà davvero pesante. Non aver paura di scegliere qualcosa di innovativo, segui un po’ il tuo cuore.

Raccogli le fonti in modo “smart”. Per affrontare meglio la fase di scrittura, cerca di selezionare tutte le parti che ti servono e registrale da qualche parte. Per esempio, copia e incolla le citazioni più importanti su un documento Word e registra autore e pagina; in questo modo sarà più semplice scrivere e poi inserire tutte le note.

Non aver paura del confronto con il relatore. Ricorda (sempre!) che il relatore è lì per aiutarti e che una mail in più non fa mai male. È importante avere dei feedback durante la scrittura, quindi se è necessario chiedi anche un incontro, l’importante è che tu sia tranquillo durante la stesura, di ansie ne avrai già troppe!

Chiedi aiuto. Nessuno è mai soddisfatto dei capitoli che ha scritto. Cerca qualcuno che possa leggere alcuni paragrafi e che possa darti una mano nel “far filare” i paragrafi. Molto spesso l’occhio di un esterno può evitare il “cancella e riscrivi”.

Prenditi una pausa ogni tanto. Scrivere la tesi non è come studiare. Anche se hai scritto “solo” due pagine in un giorno prendi una pausa, può schiarirti le idee, farti scrivere qualcosa in più e rendere la tua giornata ancora più produttiva.

Queste sono le parole di chi ha appena consegnato la sua tesi magistrale e che avrebbe voluto una guida del genere per tirarsi su durante i momenti di ansia.

In bocca al lupo a chi sta scrivendo e a chi deve ancora iniziare!

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0