Tempo di lettura: 3 Minuti

Asti, Amuchina spostati

Asti, Amuchina spostati

Ormai l'Amuchina è più rara di una figurina di Pizzaballa ed è per questo che alcuni studenti di Asti hanno deciso di farsela da soli. Non c'è dubbio

I Giovani della Coldiretti sognano di recuperare i terreni agricoli
Una scuola di Asti dice NO agli sprechi di cibo
La Scuola del Fumetto di Asti compie 18 anni

Ormai l’Amuchina è più rara di una figurina di Pizzaballa ed è per questo che alcuni studenti di Asti hanno deciso di farsela da soli.

Non c’è dubbio, l’avvento del Coronavirus ha stravolto completamente le abitudini della stragrande maggioranza degli italiani. C’è chi ha cominciato ad indossare la mascherina ogni volta che esce di casa, chi ha iniziato a lavare le mani 6 volte al giorno e chi si muove solo se munito di Amuchina.

Quest’ultima è diventata l’oggetto del desiderio della popolazione. Per averla le persone hanno preso letteralmente d’assalto farmacie e supermercati e così facendo questo prodotto è finito per diventare più introvabile di un pacco di Nutella Biscuits nel periodo di Natale.

Per il momento non c’è ancora nessuna traccia di bagarinaggio (e per fortuna direi), ma qualcuno si sta comunque adoperando per trovare una soluzione alternativa. È il caso dell’istituto tecnico Artom di Asti per esempio, dove alcuni ragazzi hanno deciso di produrre un disinfettante per le mani “fatto in casa” ma efficace.

Ad occuparsi della realizzazione pratica di questo progetto saranno, in collaborazione con i docenti, gli studenti di una classe del nuovo indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie, che, acquistate le materie prime necessarie, non vedono l’ora che la scuola riapra per potersi mettere a lavoro.

Indosseranno il camice, inforcheranno gli occhialini ed andranno in laboratorio per mescolare tutte le sostanze che comporranno il disinfettante, seguendo le direttive dell’OMS. Dopodiché il prodotto finale verrà distribuito ai compagni di scuola, alle famiglie e (se avanzerà) anche ad altri istituti della zona.

Insomma, sarà un’ottima occasione per allontanare il più possibile la psicosi e sfruttare l’emergenza Coronavirus per imparare a fare qualcosa di nuovo e soprattutto costruttivo. Gli studenti di Asti ci proveranno insieme, uniti, come dovremmo essere tutti noi in un momento così delicato.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0