Tempo di lettura: 3 Minuti

Coronavirus, 5 cose da fare chiusi in casa (a un metro di distanza)

Coronavirus, 5 cose da fare chiusi in casa (a un metro di distanza)

Con le misure imposte dal governo per contenere l'epidemia da Coronavirus, ecco 5 attività da fare in casa (a un metro di distanza). Tanto tuonò, che

Ripresa delle scuole: la situazione in Europa (aspettando l’Italia)
Il caso della festa di Halloween alla Statale di Milano: un altro punto di vista
Assistenti civici vs movida: occhio alle possibili reazioni dei giovany

Con le misure imposte dal governo per contenere l’epidemia da Coronavirus, ecco 5 attività da fare in casa (a un metro di distanza).

Tanto tuonò, che piovve. Allarmi alla televisione, appelli sui social e corse agli scaffali dei supermercati, hanno anticipato ciò che oggi sta drammaticamente accadendo. L’epidemia da Coronavirus è scoppiata e l’Italia si trova a fare i conti con l’emergenza sanitaria. Al netto delle polemiche sui modi con cui sono arrivate le comunicazioni ufficiali e le notizie, le autorità consigliano (per alcune aree del paese, impongono) di restare a casa.

Tra malumori per le limitazioni e le lamentele per la chiusura dei locali e l’annullamento di molti eventi pubblici, un intera nazione si ritrova a dover reinventare attività domestiche per trascorrere il tempo. In particolare i giovany, con lezioni sospese a scuola e all’università, senza poter andare al bar con gli amici o fare sport, si trovano spiazzati.

Alcuni, sbagliando, hanno deciso, in barba ai decreti, di ignorare i provvedimenti. Ma per tutti quelli che invece sono ligi al dovere civico e morale, ecco alcuni consigli per attività praticabili a casa (rigorosamente ad almeno un metro di distanza), in questo periodo di isolamento.

Il momento del “poi lo faccio”

Se vivete da soli, o comunque la maggior parte della vostra giornata “ai domiciliari” la dovete trascorrere in solitudine, avete un’occasione più unica che rara. Questo, infatti, è senza dubbio il momento migliore per fare tutto ciò che avete sempre rimandato. Tutti i “poi ci penserò“, “poi lo farò“, della vostra vita, possono ora essere affrontati. Avete tempo di sistemare quel mobile che continuate ad aprire e chiudere solo a calci perché si è rotta la maniglia o il cardine. Potete ritinteggiare la camera come volete. Potete mettere ordine in soffitta o nel garage.

In ogni caso, con le dovute precauzioni, anche convivendo con qualcuno, o avendo fratelli e sorelle, si possono fare le stesse cose. Magari riceverete anche una mano e poi ne darete voi una a loro. In senso figurato, si intende.

Maratone

In ottemperanza al famoso detto “prima il dovere, poi il piacere”, solo dopo aver colto l’occasione di sistemare le faccende in sospeso, potrete buttarvi sul divano o sul letto a recuperare serie TV e film. Se poi avete mascherine a sufficienza, potete anche fare queste maratone televisive in compagnia. Non tutti sullo stesso divano, chiaramente. E con ciotole di pop corn separate.

Tenersi in forma

Se siete maniaci della forma fisica, prima di andare in crisi d’astinenza da burpees per via della chiusura della vostra palestra, pensate a cosa potreste fare a casa per tenervi in esercizio.

Il vostro letto è perfetto come rialzo per i piegamenti a terra. Sedie e sgabelli sono ottimi per fare gli step. Riempite lo zaino con qualsiasi cosa per appesantirlo, mettervelo in spalla e fate gli squat. Le casse d’acqua, di cui avete fatto scorta per un reggimento, sappiate che pesano dai 3kg (se le bottiglie sono da mezzo litro ciascuna) ai 12kg (con bottiglie da 2 litri). Ottimi per allenare braccia e spalle.

A pensarci bene, anche il solo spostare i mobili per fare spazio e poi rimetterli a posto, è un discreto allenamento. in ogni caso, questo tipo di attività è meglio farle da soli. Sudore e fiatone potrebbero contribuire a diffondere il virus (qualora ne foste già contagiati a vostra insaputa).

Mettere in pratica le cose

Attività che in parte si ricollega al primo punto, è quella di mettere in pratica le idee e i progetti che avete. “Mi piacerebbe…“, qualsiasi cosa sia, fatela. Scrivere un libro, inventare un programma per computer, disegnare fumetti, costruire un modellino di aereo o di nave. Magari uno di quelli in scatola che qualcuno vi ha regalato anni fa e che non avete mai tentato neppure di aprire. Forse solo perché non ne avete avuto il tempo. Ecco, come per il “poi lo faccio“, questo è il momento ideale.

Il Decamerone 2.0, home edition

Nell’epoca dei social, doversi rinchiudere a casa per parlare sembra ridicolo. Ma nessuna chat di gruppo può soppiantare la vicinanza (non troppa, per carità) umana. L’empatia e le espressioni non possono essere sostituite solo dalle faccine.

Armatevi di mascherine e gel disinfettanti per le mani, riunite qualche amico in salotto. Oppure la vostra famiglia. Chiacchierate, raccontatevi storie e condividete esperienze della vostra vita. Un po’ come nel Decamerone di Boccaccio, cercate di esorcizzare paure e negatività e riscoprite la convivialità domestica.

Altrimenti, se preferite, anche la play station va bene uguale.

#FacceCaso

Di Tommaso Fefè

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0