Tempo di lettura: 2 Minuti

Decameron 2.0? Una scuola siciliana sta realizzando un progetto niente male

Decameron 2.0? Una scuola siciliana sta realizzando un progetto niente male

Siamo in provincia di Messina, precisamente nel comune Giardini-Naxos. Qui, grazie all’idea della docente di lettere, una classe di liceali sta sfrutt

Fotografia dei giovany alle Europee
Ariù, l’artista sospeso tra diverse sonorità espresse nel suo nuovo EP
Faber School: full-immersion per giovani amanti del digitale

Siamo in provincia di Messina, precisamente nel comune Giardini-Naxos. Qui, grazie all’idea della docente di lettere, una classe di liceali sta sfruttando l’occasione delle scuole chiuse per dar vita ad un progetto a dir poco geniale: il Decameron, versione Coronavirus.

Nonostante la pronta attivazione delle piattaforme di didattica online, la chiusura delle scuole ha sicuramente regalato un be po’ di tempo libero sia agli studenti che ai docenti. La distanza ha reso impraticabili molte attività scolastiche, per non parlare di tutte le iniziative annullate in seguito al decreto di qualche giorno fa. In tutto ciò sorge spontanea una domanda, come occupare le giornate? Beh, è proprio per l’utilizzo di questo tempo extra che nasce l’originale laboratorio di scrittura promosso dal liceo siciliano Caminiti che vede protagonista il Decameron.

Decameron 2.0

A prescindere da chi siete, quanti anni avete, o da quanto tempo avete terminato il liceo, sono sicura che al nome Giovanni Boccaccio non può che accendersi una lampadina. Come dimenticare il famoso Decameron, opera che ha occupato pomeriggi di studio degli studenti di tutta Italia. E chi avrebbe mai detto che un’opera del 1350 avrebbe potuto sembrare così attuale ben 700 anni dopo? La storia dei 10 giovani, isolati fuori Firenze per colpa della peste, che passano le giornate a raccontarsi storie per ingannare il tempo, è proprio ciò che ha ispirato questo laboratorio.

Vediamo di cosa si tratta!

Gli studenti dovranno trasformarsi in personaggi di Boccaccio: relegati a casa, in fuga dal coronavirus, dovranno ricreare il mondo esterno con le loro parole. La docente proporrà dei concetti da cui partire, come quello di attesa, ricordo, patria, nostalgia, che serviranno da ispirazione agli studenti. Toccherà poi ai ragazzi costruire delle moderne novelle, in pieno stile Decameron.

Che dire, l’idea del liceo Caminiti è senza ombra di dubbio originale, in grado di trasformare un periodo di crisi in un’opportunità. La creazione di un’allegra brigata di giovani, ma coronavirus edition, permette di occupare il tempo passato a casa in modo creativo. Continuate così ragazzi, il nostro caro Boccaccio sarebbe fiero di voi!

#FacceCaso

Di Alice Favazza

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0