Tempo di lettura: 3 Minuti

A scuola con… Linus!

A scuola con… Linus!

Che scuola hanno frequentato i VIP italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuovissima rubrica. Oggi tocca a Mr Radio Deejay: Linus. Vi siete mai chiest

Banchi con le rotelle rimandati. Anzi, bocciati
Oggi è la giornata mondiale dell’igiene delle mani! Cade proprio a pennello…
I giovani inglesi rinunciano ai sogni per colpa del Coronavirus

Che scuola hanno frequentato i VIP italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuovissima rubrica. Oggi tocca a Mr Radio Deejay: Linus.

Vi siete mai chiesti quale scuola avessero frequentato da adolescenti personaggi come Salvini, PIF o Salmo? Noi sì. E visto il successo della nostra rubrica sugli sportivi, abbiamo deciso di allargare il campo, includendo nella nostra indagine attori, musicisti, politici e chi più ne ha più ne metta.

In questo periodo difficile in cui gli italiani sono costretti a rimanere a casa per via dell’emergenza Coronavirus, il MiBACT ha lanciato “L’Italia Chiamò”, una maratona online che coinvolgerà vari artisti e che ha tra i suoi tanti conduttori anche il nostro protagonista di oggi: Linus.

Forse non lo sapete ma Pasquale Di Molfetta (questo è il nome di battesimo del direttore artistico di Radio Deejay) deve molto alla scuola. Ad affibbiargli il soprannome con cui è poi divenuto famoso fu infatti un suo ex professore di Chieti, che storpiò il nomignolo “Linuccio”. Questo “debito” che ha nei confronti della scuola, però, Linus non lo ha mai ripagato del tutto.

La “colpa” fu della sua passione per la radio. Al fine di coltivarla, infatti, Pasquale marinò spesso le lezioni e per questo in quinta superiore non venne ammesso agli esami. I suoi genitori lo spedirono quindi a lavorare, facendogli comunque frequentare le serali. Ma fu bocciato un’altra volta.

Alla fine riuscì comunque ad ottenere il tanto agognato diploma di perito elettronico. A darglielo (a sentir lui spinti dalla sopraggiunta nausea di vederlo) furono gli insegnanti dell’ITIS Ettore Conti di Milano (Via Angelo de Vincenti 11), che lo promossero nel 1978 con 48/60.

L’estate seguente Linus iniziò a dedicarsi a tempo pieno alla radiofonia e dopo un po’ di esperienza qua e là e un breve passaggio a Milano International, approdò infine a Radio Deejay nel 1984 e ne diventò la voce più rappresentativa. Una voce che ancora adesso scalda i cuori di tanti ascoltatori e che in questo periodo di estrema difficoltà ci tiene compagnia facendoci sentire un po’ meno soli.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0