Tempo di lettura: 1 Minuti

Siamo tutti il rettore di Perugia…o forse no

Siamo tutti il rettore di Perugia…o forse no

Dopo la sua insolita promessa, il rettore dell'Università di Perugia Maurizio Oliviero è diventato un idolo per molti ma non per tutti. Se in questi

Rai vs Corona Virus: ecco in che modo l’emittente aiuterà i giovany
#Coronasocial: i video più esilaranti arrivati sulle chat in questo periodo di isolamento
Coronavirus per noi, musica per i gatti e TG USA 2.0 per voi

Dopo la sua insolita promessa, il rettore dell’Università di Perugia Maurizio Oliviero è diventato un idolo per molti ma non per tutti.

Se in questi ultimi giorni avete bazzicato il meraviglioso mondo dei social network (e considerata la quarantena forzata immagino che lo abbiate fatto), vi sarete certamente imbattuti nei tormentoni che stanno spopolando in rete e che ci aiutano a tenere alto il morale in questo periodo davvero brutto.

Tra questi è emerso l’estratto di una videoconferenza nella quale un uomo ha invitato tutti quelli che erano all’ascolto a tenere duro in un modo decisamente insolito. Il video è diventato virale perché la videoconferenza in questione era in realtà una video-lezione e l’uomo il rettore di un’università.

Più precisamente il rettore dell’Università di Perugia Maurizio Oliviero, il quale interrompendo una lezione online della professoressa Maria Chiara Locchi si è rivolto ai suoi studenti dicendo che “Se siamo tutti insieme a combattere questa situazione ne usciremo presto. Quando tutto ciò finirà, faremo una grande festa e vi voglio tutti ubriachi a pomiciare sui prati”.

Oliviero, però, non vuole limitarsi ad assistere ai festeggiamenti dei ragazzi; vuole prenderne parte. E perciò ha promesso che quando verrà il momento sarà lui stesso ad aprire le danze. Naturalmente le parole del rettore non sono passate inosservate e in men che non si dica lo hanno reso un idolo.

Ovviamente non tutti hanno sposato le intenzioni di Oliviero. “È esattamente l’eccesso gaudente che temo molto, il fiato trattenuto di chi non vede l’ora di dimenticare tutto e lanciarsi in una terapeutica orgia di gruppo” ha ad esempio commentato il cantautore Simone Cristicchi.

Ed è così che la goliardica promessa del rettore di Perugia ha finito per generare un acceso quanto inaspettato dibattito. È giusto festeggiare alla vecchia maniera quando tutto sarà finito? O da questa storia dovremmo imparare a rivalutare le distanze? Ci penseremo poi, che finisca intanto.

#FaccecCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0