Tempo di lettura: 1 Minuti

Videolezioni, we love you

Videolezioni, we love you

Criticate e osteggiate, ma anche amate. Nonostante tutto, le videolezioni hanno conquistato il favore di diversi studenti. Ecco (forse) perché. Video

WhatsApp scende in campo contro il Coronavirus (e contro le fake news)
Non solo Coronavirus, TG USA 2.0 is back!
Fantacalcio per il sociale: i giovany donano il montepremi!

Criticate e osteggiate, ma anche amate. Nonostante tutto, le videolezioni hanno conquistato il favore di diversi studenti. Ecco (forse) perché.

Videolezione. Quando i Ministri della Scuola e dell’Università hanno pronunciato per la prima volta questa parola molti di noi sono rimasti perplessi. C’è chi l’ha vista come una soluzione impraticabile in un sistema scolastico così tecnologicamente arretrato e chi invece ha pensato “’N che senso?”.

Tempo di prenderci la mano però ed ecco che quasi tutti hanno finito per innamorarsi follemente di questa rivoluzionaria forma di didattica a distanza. D’altronde le videolezioni ci permettono di fare cose che normalmente sarebbero impossibili e che solo poche settimane fa erano inimmaginabili.

Tanto per cominciare non dobbiamo preoccuparci di arrivare puntuali o di mettere la sveglia. Nella maggior parte dei casi, infatti, le lezioni vengono anche registrate e possiamo quindi rivedercele in differita quando vogliamo. E non dobbiamo neanche preoccuparci di vestirci, truccarci o pettinarci, basta disattivare la webcam e poi possiamo prendere appunti anche in mutande.

A proposito di webcam, la possibilità di “oscurarla” ci consente pure di fare cose che, se fossimo in classe, molto probabilmente ci costerebbero almeno un richiamo (es. mangiare o “instagrammare”). Per non parlare del microfono, altro strumento di potere senza precedenti.

Disattivando anche quello, ecco che possiamo chiacchierare amabilmente con nostro fratello/sorella o stare al telefono con i nostri amici senza che nessuno ci dica niente. Se invece vogliamo toglierci una soddisfazione, zittendo il prof che ci sta antipatico, basta silenziare il tutto, tornerà a parlare solo se e quando lo vorremo noi.

Inoltre in molti in classe tendono a sedersi agli ultimi banchi per mantenersi il più lontano possibile dalla cattedra e in questo modo finiscono spesso per fare fatica a leggere la lavagna. Con le nostre amate videolezioni, invece, questo problema non c’è perché è tutto a portata di desktop.

C’è poi l’irripetibile occasione di fare screenshot e creare così meme per deridere le skills digitali dei docenti ma su questo preferiamo stendere un velo pietoso (fatelo, ma responsabilmente!). Scherzi a parte, comunque, la didattica a distanza ha diversi vantaggi, anche un pochino più seri di quelli visti in questo articolo, ma ammettiamolo, la scuola “normale” sotto sotto ci manca.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0