Tempo di lettura: 1 Minuti

Caffellatte torna con un nuovo singolo: ecco “Carta Stagnola”

Caffellatte torna con un nuovo singolo: ecco “Carta Stagnola”

È uscito il 28 Aprile Carta Stagnola, il nuovo pezzo di Caffellatte. Nel brano, quasi autobiografico, l’autrice racconta sé stessa. Non è la prima vo

Brando Madonia anticipa il suo album con il singolo “I pesci non invecchiano mai”
Un’associazione giovane per l’uguaglianza del futuro
Changes, fuori ora il nuovo singolo di Gabriella Di Capua

È uscito il 28 Aprile Carta Stagnola, il nuovo pezzo di Caffellatte. Nel brano, quasi autobiografico, l’autrice racconta sé stessa.

Non è la prima volta che sentiamo parlare di questa giovane artista. Sono già fuori su Spotify ben tre brani firmati Caffellatte: Alcol test, Valium e Endorfine. Stavolta però l’autrice ha deciso di uscire dalla sua comfort zone, sia in termini di sound che in termini di contenuti. Per questo, Carta Stagnola, segna un’evoluzione nella carriera musicale dell’artista. I singoli già pubblicati sono caratterizzati dall’attrito tra synthpop e la componente testuale. Con questo pezzo invece, la partita è del tutto diversa. Le parole, che rimandano a sensazioni intime e personali, si scontrano con l’universo della trap, del vocoder e del tune. La sintesi tra questi elementi è davvero unica: un pezzo che evoca sensazioni contrastanti, eppure in armonia.

Un messaggio profondo

Ad un primo ascolto si potrebbe pensare che si tratti di una storia d’amore, ma non è così. Carta Stagnola è la storia dell’autrice. Il “tu” del brano è in realtà un “io”. Il pezzo tratta di argomenti spinosi e complessi come la depressione e il Disturbo del Comportamento Alimentare, di cui l’artista ha sofferto per anni. L’intenzione del brano è dare rilievo, sempre con delicatezza, ad uno stato mentale verso il quale si pecca spesso di superficialità o disinteresse.

Le parole dell’autrice

Ho scritto una canzone che parla di me senza filtri.” Così Caffellatte ha iniziato a raccontare il proprio brano, con un post su Instagram. “Sono sopravvissuta a me stessa, anche quando non mi conoscevo affatto, ed oggi ho avuto bisogno di togliere di mezzo e solo in parte i miei synth e il mio pop per un po’ di parole che appartengono ad una piccola Giorgia che aveva paura del mondo e di sé stessa. Ecco cosa ho scritto amici, si chiama Carta Stagnola e tra non molto sarà vostra.”

Beh, in realtà se state leggendo questo articolo il brano è già fuori e aspetta solo voi! Al solito, lo trovate qui.

#FacceCaso

Di Alice Favazza

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0