Tempo di lettura: 2 Minuti

Birra Corona, storia di una crisi in cui il nome non c’entra nulla!

Birra Corona, storia di una crisi in cui il nome non c’entra nulla!

Purtroppo dallo scoppio del Covid-19 la birra Corona si è ritrovata a dover condividere il suo nome con una pandemia globale... Sappiamo che sin da q

Prevenzione all’uso di droga e alcool a scuola, attivati i corsi di formazione
Social e droga non sono poi così lontani, un nuovo trend?
Roma, liceo Russell: una studentessa in codice rosso per abuso di alcool

Purtroppo dallo scoppio del Covid-19 la birra Corona si è ritrovata a dover condividere il suo nome con una pandemia globale…

Sappiamo che sin da quando il Coronavirus è apparso in Cina verso fine gennaio la birra Corona ha iniziato ad avere delle difficoltà in termini di vendite. Tutti spacciarono questa crisi legandola proprio al suo nome che sicuramente rimanda al nome della pandemia. In realtà le cose non stanno proprio così… vediamo perché.

Che vi piaccia la birra Corona o no, non penso smettereste di berla solo perché ha lo stesso nome della pandemia, no? Eppure questa è la notizia che ci è stata comunicata sin dall’inizio della pandemia. É vero che la Corona sta affrontando una crisi in termini di vendite, ma con tutta probabilità questo non è conseguenza del suo nome.

Ci sono almeno due motivi, come ha riportato Il Post, che spiegano la discesa nelle vendite della Corona a la crisi che sta vivendo.

Un marketing sbagliato

Oltre alla sfortuna di avere il nome sbagliato al momento sbagliato, la birra Corona ha decisamente gestito male la comunicazione in tempo di pandemia. Infatti, come ha riportato l’Economist, i contenuti pubblicati non sono stati graditi perché troppo scollegati rispetto al momento che stiamo vivendo. Gli utenti dei social in questi mesi di lockdown sono stati molto sensibili alla comunicazione online, e,  inevitabilmente non hanno gradito i messaggi lanciati dalla marca di birra. Le preoccupazioni delle persone sono state ben altre rispetto alle vacanza e alle spiagge.. Infatti, il profilo Instagram e Twitter di @Corona è inattivo dal 13 marzo. Una pausa di riflessione?

La mancata produzione

Un secondo problema non indifferente che ha inciso molto sulla crisi della birra Corona è legato proprio alla produzione. Infatti, se in alcuni paesi come Francia e USA la produzione di birra è stata garantita anche durante il lockdown, in Messico è stata classificata come “non necessaria” e la produzione di Corona è stata bloccata per mesi! 

E a voi piace la birra Corona?

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0