Tempo di lettura: 3 Minuti

Sapienza Università di Roma: e mo’ che facciamo con gli esami?

Sapienza Università di Roma: e mo’ che facciamo con gli esami?

L'Università La Sapienza ha ancora dei dubbi sullo svolgimento degli esami durante la sessione estiva. Vediamoci chiaro. Il modello dell'Esame di Mat

Guano di pollo per il distanziamento sociale: l’idea della Svezia
Coronavirus, il falso mito dei giovany “immuny”
Maturità 2020, c’è ancora l’incognita presidenti di commissione

L’Università La Sapienza ha ancora dei dubbi sullo svolgimento degli esami durante la sessione estiva. Vediamoci chiaro.

Il modello dell’Esame di Maturità potrebbe essere preso in considerazione anche dalla Sapienza Università di Roma, il primo ateneo di Roma ma anche d’Italia per il numero di studenti iscritti. L’idea generale è quella di seguire gli sviluppi della maturità per vedere se è possibile fare la stessa cosa con gli esami universitari a partire da metà giugno.

Questo è quello che afferma il rettore, Eugenio Gaudio, che punta a far ripartire la sua università dopo il lockdown iniziato a marzo. Si pone però un problema fondamentale. Come può un’università che conta più di centomila iscritti gestire degli esami in presenza seguendo le norme per il contenimento del contagio? E soprattutto, cosa succederà a quei fuorisede che sono a casa propria?

L’università cerca di dare più soluzioni, evitando gli spostamenti dei fuorisede e permettendo (in quel caso) l’esame online, mentre per i ragazzi che sono a Roma si potrebbe pensare ad un esame a gruppi. Si ipotizza di far entrare cinque studenti per volta, uno verrà interrogato e gli altri potranno fare da testimoni mantenendo la domanda di sicurezza. So quello a cui stai pensando, e per i corsi da trecento persone? Anche l’organizzazione sa che questa modalità non sarà possibile per tutti gli esami o materie. Non una bella idea, nell’ottica della parità di trattamento.

Insieme alla (probabile) ripresa degli esami riprenderanno anche altre attività come quella dei laboratori che verranno organizzati in base a dei turni e quella delle biblioteche, dando la priorità a quelle delle facoltà umanistiche dato che i libri non sono per la maggior parte disponibili online. L’importante, in tutti questi casi, sarà mantenere le distanze interpersonali.

Funzionerà? Riuscirà La Sapienza a riaprire davvero a metà giugno?

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0