Tempo di lettura: 1 Minuti

3 giugno: giovany, che potemo fa’?

3 giugno: giovany, che potemo fa’?

Nuovo tranche di riaperture in Italia. Praticamente finito il lockdown in quasi tutte le regioni. Ma da oggi, per i giovany, che cosa c'è di nuovo? E

Autocertificazioni illustrate: quando la quarantena genera arte
Dal 18 maggio potrai rivedere gli amici: allora, sei felice?!?!?
Prof e false lauree: succede a Monza

Nuovo tranche di riaperture in Italia. Praticamente finito il lockdown in quasi tutte le regioni. Ma da oggi, per i giovany, che cosa c’è di nuovo?

E al fin giungemmo a riveder le stelle. Forza giovany, che si ricomincia a vivere. Giusto in tempo per le belle serate estive il lockdown volge sostanzialmente al termine. 3 mesi di sofferenze e tragedie. Di chiusure forzate, di polemiche (che comunque non cesseranno, è bene esserne consapevoli e accettarlo) e, soprattutto di rinunce. In primis alla socialità. Lentamente, in questo maggio appena concluso, si è tentato di tornare alla normalità. Una sorta di periodo di prove generali, prima del (quasi) liberi tutti che inizierà da oggi.

Previste in molte regioni ulteriori riaperture. Che, al netto delle regole sul “distanziamento sociale”, con cui comunque dovremo convivere ancora per molto, si traducono nella ripresa di quelle attività ancora rimaste chiuse dopo i recenti allentamenti delle misure restrittive imposte dalla pandemia. Ma, in sostanza, che cosa si può fare?

Intanto c’è la parola “fine” sulle autocertificazioni. E i boschi ringraziano, vista la quantità di carta che si risparmierà. A proposito, visto che parlavamo di polemiche, ma era troppo chiedere nel 2020 dei moduli da compilare on line e mostrare tramite smartphone? Lasciamo perdere. Torniamo alle riaperture. La possibilità di muoversi liberamente tra le regioni comporterà un incremento di viaggiatori in stazioni e aeroporti. Il che significa intensificazione dei controlli per chi sale a bordo di treni e aerei. Ma almeno si potrà tornare a prenderli per qualsiasi motivo e non solo per raggiungere i propri parenti.

Infatti sarà possibile anche recarsi liberamente nelle “seconde case”. Le proprie o quelle degli amici Niente più limiti infatti per incontrarsi, anche all’aperto. Basta tenere le giuste distanze, con abbracci baci, e strette di mano riservati solo ai congiunti. Quindi occhio giovany, che se vi battete il 5 davanti ai vigili siete passibili di multa.

Via libera per piscine, palestre e bagni termali. In alcune zone del paese questo era già possibile dal una decina di giorni. Ora lo sarà ovunque. Dei bar e dei pub è inutile dire che si è già perso il controllo da diverse settimane. Perciò la movida non potrà che aumentare. Anche perché entro pochi giorni saranno riaperte persino le discoteche. E a seguire i cinema e i teatri. Molto prima, per la verità, rispetto a quanto si ipotizzava fino a qualche tempo fa. Curiosa però, in questo senso, la decisione della Sicilia di vietare il ballo. In pratica si potrà assistere ad un dj set, ma stando fermi ad ascoltare la musica.

Delle due una: o hanno inventato la nuova moda dell’estate o hanno un senso dell’umorismo piuttosto discutibile. Si vedrà nei prossimi mesi.

#FacceCaso

Di Tommaso Fefè

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0