Tempo di lettura: 1 Minuti

A scuola con… Alex Zanardi!

A scuola con… Alex Zanardi!

Che scuola hanno frequentato i campioni italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuova rubrica. Oggi puntata dedicata ad Ironman Alex Zanardi. Vi siete

How I met Taiwan, Capitolo 7: l’università
Pista di atletica sul tetto: quando la limitazione si incontra/scontra con l’immaginazione
Chilometro D: una corsa per una buona causa!

Che scuola hanno frequentato i campioni italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuova rubrica. Oggi puntata dedicata ad Ironman Alex Zanardi.

Vi siete mai chiesti quale scuola avessero frequentato da adolescenti campioni e campionesse del calibro di Buffon o Bebe Vio? Noi sì. E per risponderci (o meglio, per rispondervi) abbiamo ideato una rubrica nella quale periodicamente ripercorreremo la carriera scolastica di vari atleti.

A tre settimane esatte da quel maledetto incidente in handbike che gli ha quasi tolto la vita, andiamo a ripercorrere il cammino scolastico di un atleta sfortunatissimo, di un uomo che pur essendo caduto più volte, ha sempre avuto la forza di rialzare la testa: l’Ironman azzurro Alex Zanardi.

Alex nasce a Bologna nell’ottobre del 1966 ma, insieme a mamma Anna e a papà Dino, si trasferisce già da piccolo nel comune di Castel Maggiore, dove cresce coltivando una passione viscerale per le macchine. Le stesse macchine che, ironia della sorte, gli porteranno via la sorella maggiore Cristina, scomparsa prematuramente nel 1979 a causa proprio di un incidente stradale.

La morte di Cristina, però, non spegne l’amore per le auto di Zanardi, che nel pieno dell’adolescenza inizia a fare pratica sui kart, arrivando persino ad anteporli allo studio. Ai microfoni di Rai News ha infatti raccontato che per partecipare ad una gara fece posticipare addirittura il suo orale di maturità.

A differenza di qualcun altro, però, lui al suo esame si presentò eccome e concluse il suo percorso di studi conseguendo il diploma di geometra. Non sappiamo con certezza presso quale istituto lo abbia ottenuto, ma molto probabilmente si tratta dell’IISS “J.M. Keynes” di Via Bondanello 30.

In ogni caso quel “pezzo di carta” gli è servito a ben poco, visto che, finite le scuole superiori, Alex ha iniziato a dedicarsi esclusivamente alle corse, almeno fino al 15 settembre del 2001, il giorno nel quale Zanardi perse l’uso delle gambe in seguito ad un incidente in gara. E adesso un altro incidente e un’altra corsa che pare impossibile da vincere. Peccato che per te non esista la parola impossibile.

E allora…Forza Alex, vinci anche questa!

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0