Tempo di lettura: 3 Minuti

Spazio alla Scuola, la piattaforma salva-presidi

Spazio alla Scuola, la piattaforma salva-presidi

Nella gestione della riapertura delle scuole i presidi sono stati trascurati dalle istituzioni. Menomale che c'è una piattaforma pronta a dar loro una

I dati sul lavoro di Almalaurea
A sorpresa hanno abolito il numero chiuso a Medicina
Operazione Hostia: sei omicidi e un’unica vittima

Nella gestione della riapertura delle scuole i presidi sono stati trascurati dalle istituzioni. Menomale che c’è una piattaforma pronta a dar loro una mano.

Si ritorna a settembre! Anzi no, meglio non rischiare. Però sai che forse, quasi quasi…con le dovute distanze…vediamo dai. Insomma, il rientro in classe post-Covid si sta trasformando in un’autentica telenovela e sebbene la data sia già stata fissata, si sa che tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare.

Anche perché le linee guida stilate dal Comitato Tecnico Scientifico per consentire il ritorno ad una sorta di “normalità scolastica” sono molto vaghe e non stanno aiutando i presidi a stabilire quanti e quali banchi collocare all’interno di un’aula o come regolare l’afflusso di studenti in entrata e in uscita.

In parole povere il Ministero della Scuola ha lasciato i dirigenti scolastici totalmente o quasi in balìa di loro stessi. Quel quasi è garantito per fortuna dall’esistenza di una piattaforma online voluta dalla Fondazione Agnelli, un istituto indipendente di ricerca nelle scienze sociali senza scopo di lucro che l’ha realizzata insieme al BIMGroup del Politecnico di Milano e all’Università di Torino.

Il funzionamento della piattaforma è molto semplice ed è stato perfettamente illustrato dal direttore e dal ricercatore della Fondazione Andrea Gavosto e Martino Bernardi. È sufficiente registrarsi sul sito www.spazioallascuola.it e inserire i dati che i presidi hanno raccolto in queste ultime settimane.

Dati quali il numero di aule, la capienza dell’istituto e gli alunni iscritti; tutte le informazioni utili a pianificare l’imminente rientro in classe insomma. Fatto ciò, vengono simulate varie configurazioni, che possono essere salvate, modificate e soprattutto migliorate.

Si tratta quindi di uno strumento molto utile per i dirigenti scolastici di tutta Italia, che possono così avvalersi di un supporto fondamentale in vista di una ripartenza che si preannuncia già più difficile del previsto. La piattaforma, per di più, non è ancora del tutto completa e verrà presto arricchita con nuove funzionalità. Forse però sarebbe il caso di arricchire anche il nostro sistema scolastico, no?!

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0