Tempo di lettura: 2 Minuti

Giovany… allora non avete capito?! Dovete trombare di più, fate pochi figli!!!

Giovany… allora non avete capito?! Dovete trombare di più, fate pochi figli!!!

Trombare e fare figli, è questo che dovreste fare! E chi se ne importa se non avete lo stipendio per crescerli, ci pensano mamma e papà. In Italia no

Uganda: l’incredibile storia di Suor Rosemary che salva le ragazze vittime di violenze
Genitori che non mandano i figli a scuola
In Giappone gli studenti fanno i bidelli

Trombare e fare figli, è questo che dovreste fare! E chi se ne importa se non avete lo stipendio per crescerli, ci pensano mamma e papà.

In Italia non si fanno più figli: “Nuovo minimo storico di nascite dall’unità d’Italia, lieve aumento dei decessi e più cancellazioni anagrafiche per l’estero”. C’è scritto questo nel bilancio demografico dell’Istat 2019. C’è scritto che i giovani non fanno più figli, che i morti sono di più (più anziani = più morti) e che chi può va a fare i figli all’estero.

Ma perché? Cosa c’è alla base di questo calo demografico? I giovani hanno davvero perso l’interesse per il sesso, o per la famiglia? Sono cambiati i valori?

Sì, ma non quelli che pensi tu. È cambiato il pensiero dei datori di lavoro; a volte perché costretti a fare i conti con la crisi. Altre volte perché il guadagno è motore, ispirazione, dio e figlio di dio. Tutto pur di guadagnare quei mille, duemila, tremila euro in più al mese. Così nascono gli stage: periodi di lavoro a tempo determinato sottopagato. Inizio, lavoro, fine. Chi ha imparato ora vale troppo. Avanti un altro, a stipendio minimo ovviamente. Non vi sta bene? Fa niente. C’è sempre qualcuno disposto a prendere il vostro posto.

E se faccio figli, chi li mantiene?

Il record negativo di nascite dall’Unità d’Italia registrato nel 2018 è di nuovo superato dai dati del 2019. I fattori strutturali che negli ultimi anni hanno contribuito al calo delle nascite sono noti e si identificano nella progressiva riduzione della popolazione italiana in età feconda, costituita da generazioni sempre meno numerose alla nascita non più incrementate dall’ingresso di consistenti contingenti di giovani immigrati”. Dicono i numeri Istat.

Signori: l’Italia è un paese povero. I figli ormai li puoi/potresti fare a 40 anni, quando hai da parte due spicci. Peccato che il corpo non ti segua fino a quell’età. Lui è pronto da almeno 25 anni. Ti ha aspettato, ha aspettato i tempi della società e la fine degli stage. Ci ha provato almeno.

Il problema, dunque, è che i ragazzi e le ragazze italiane non vogliono fare figli? No. Ma se una donna allatta un figlio, poi a lei chi l’allatta?

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0