Tempo di lettura: 2 Minuti

Profili fake: Instagram dichiara guerra! E qualcuno dovrà tremare…

Profili fake: Instagram dichiara guerra! E qualcuno dovrà tremare…

Il colosso dei Social, Instagram, ha deciso di chiedere la carta d'identià per identificare i profili fake. Bella storia o privacy annullata? Dilaga

Guardaroba estivo? Occhio a come ti vesti per andare a scuola
Facebook non più guidato da Zuckerberg?
Zucche vietate e zombie virtuali, è già Halloween col TG USA 2.0

Il colosso dei Social, Instagram, ha deciso di chiedere la carta d’identià per identificare i profili fake. Bella storia o privacy annullata?

Dilaga imperterrito lo tsunami della “fake reality”. Non c’è più un luogo “vergine” nel mondo del web. Tutto è infettato da questa piaga. Social Instagram, Facebook, lo stesso Whatsapp pullulano di profili fake e fake news.
Persone finte che spingono notizie finta: divertimento? Malattia mentale? Strategia?
Ed ancora, persone vere, riconoscibili, che propinano notizie finte. Quale tra i nostri tanto amatici politici non ha mai scritto una bella cazzata sui social?

È arrivato, sembrerebbe, il momento di dire basta. O meglio, a dirlo non sono tanto gli utenti, le vittime di questo dilagare di profili e notizie false. Loro sì, quelli veri, sperano possa finire questa emorragia di fantocci. Ma a dire basta sembrano essere proprio i “padroni” del web: su tutti, Instagram si sta attivando fortemente.

Ingresso su Instagram? Ci vuole il documento

Basta profili fake. Controlli e tappeto e documento bene in vista. Sì, proprio come il maggiormente noto “patente e libretto, prego”.

Vogliamo che i contenuti che vedete su Instagram”, si legge sul blog ufficiale del gruppo, “siano autentici e siano pubblicati da persone reali, non bot o profili che tentano di ingannarvi. Da oggi, dunque, inizieremo a chiedere alle persone di confermare chi c’è dietro un account quando scoviamo uno schema di comportamento non autentico.”

“Così potremo capire quando gli account stanno tentando di ingannare i propri follower e mantenere al sicuro la community”.

Le conseguenze potrebbero essere molte, e non tutte positive

Come dicevamo prima c’è però un problema: “patente e libretto”. Immaginate di essere un utente che scrive e posta contenuti, a ragione o a torto, contro il proprio governo. Non vi sentireste un po’ scoperti? Potrebbe Instagram non permettere l’accesso ai contenuti da parte delle Istituzioni?

Fateci sapere cosa ne pensate: pro o contro?

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0