Tempo di lettura: 1 Minuti

Rovazzi, nuovo successo: entra in Call Of Duty col nome “Morte”

Rovazzi, nuovo successo: entra in Call Of Duty col nome “Morte”

Il creator milanese Rovazzi ha prestato il volto ad un nuovo personaggio del celebre videogame. E la notizia è piaciuta un po' a tutti. Fabio Rovazzi

Domenica mattina da “down social”
Incontrarsi attraverso gli odi in comune: Hater, l’app antitesi di Tinder
Google WiFi sbarca in Italia

Il creator milanese Rovazzi ha prestato il volto ad un nuovo personaggio del celebre videogame. E la notizia è piaciuta un po’ a tutti.

Fabio Rovazzi è un personaggio di Call of Duty, il suo nome è “Morte”. La novità è stata accolta con grande entusiasmo dai fan del giovane youtuber e dai giocatori appassionati, ma la notizia rappresenta uno dei primi passi verso una nuova evoluzione digitale.

La comparsa di Rovazzi in COD è la prima di un volto noto italiano in un videogioco, e non c’è da stupirsi sia arrivata da questo ragazzo lungimirante. Negli USA ormai è una tendenza e il videogame che vanta il maggior numero di attori (tra cui William Defoe e Kevin Spacey) è proprio Call Of Duty.

Ma perché un volto dello spettacolo dovrebbe approcciare a questo nuovo mercato? La computer grafica e le nuove tecnologie di motion capture permettono di creare personaggi in modo fedele partendo da persone reali, e non sembra esserci nulla di più adatto di un attore per dar vita ai paladini dei videogame. Non dimentichiamo inoltre che l’industria dei videogame fattura 137,9 miliardi di dollari contro i 42 di quella del cinema (dato 2018).

Come nel caso di Rovazzi, il fenomeno non è limitato agli attori. Fortnite ha realizzato i concerti di Marshmello (2019) e Travis Scott (2020) live all’interno del proprio videogioco. Il primo è stato seguito live (da console) da 10 milioni di persone, il secondo da 12,3, più gli spettatori su Twitch. Entrambi i concerti non erano registrati, ma “trasmessi in diretta”.
Rovazzi si dimostra al passo con le tendenze con idee fresche e geniali. Il suo personaggio Sergio “Morte” Sulla è un concentrato di italianità: si tratta di un ex militare del Col Moschin, il reparto di forze speciali più anziano d’Italia, nonché uno dei più efficienti al mondo. Ricorda molto gli spaghetti western, e in particolare il suo outfit richiama il mitico Joe interpretato da Clint Eastwood nei capolavori di Sergio Leone.

Complimenti a Fabio Rovazzi e buon game a tutti i giovany appassionati di Call Of Duty!

#FacceCaso

Di Luca Matteo Rodinò

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0