Tempo di lettura: 2 Minuti

Successo o notorietà? Questo è il social-dilemma ragazzi…

Successo o notorietà? Questo è il social-dilemma ragazzi…

Il derby tra il successo e la notorietà esiste. Anzi, vi dirò di più: questa lotta si accentua quando viene inserita nel mondo digitale, che ormai via

Ennesima dissertazione su ricchi e poveri a scuola
Molestie al Liceo Tasso, intervista esclusiva ai rappresentanti d’istituto
Web Marketing Festival, ecco l’offerta per studenti

Il derby tra il successo e la notorietà esiste. Anzi, vi dirò di più: questa lotta si accentua quando viene inserita nel mondo digitale, che ormai viaggia a braccetto con la nostra quotidianità. Ma quanto dura? È una questione di follower? Chi vince? Tranquilli, provo a spiegarlo.

Teoria: il successo sta ad Alberto come la notorietà sta ad Angela.

Svolgimento: i follower seguono una persona che avrà successo per delle qualità; se queste dovessero mancare e i seguaci rimanere costanti, si andrà ad alimentare la notorietà, riconoscendo così qualità non possedute realmente.

Dimostrazione: alzi la mano chi ha ripetuto, anche per sbaglio, la frase: “Non ce n’è Coviddi”. Ora, alzi la mano chi segue su Instagram Angela Chianello (sì, si chiama così). Ah, è vero che non posso vedervi – e non posso nemmeno sapere se alcuni di voi siano assidui seguaci della signora più chiacchierata di Mondello – ma scommetto che nel primo caso avrei ottenuto un tappeto di mani alzate come a un concerto di Vasco.
Per i follower, sono i numeri a parlare chiaro, perché il celebre tormentone virale nato in un’intervista, ha portato alla signora una schiera di 190mila seguaci (130mila nelle prime 24 ore d’iscrizione al social network) e il pass per entrare nell’ambita categoria delle influencer. E non è la prima volta.

È scontato dire che la fama, seppur fulminea, ti espone al mirino delle critiche, che non perdono tempo a riconoscere che “anche oggi vince il grottesco, vince l’ignoranza, vince la mediocrità”. E quindi? Inevitabilmente lo ripetiamo perché ci entra in testa tramite quella hit-parodia che raccoglie più consensi di una pubblicità con Diletta Leotta.

Ma è qui che entra a gamba tesa il successo, come nella sfida denominata #AlbertoAngelaChallenge e il suo slogan “segui Alberto e non seguire Angela”. Proposta personalmente dal comico Roberto Lipari, provoca un boom di seguaci nel profilo dell’amato conduttore in reazione al trash, consapevole del fatto che “ogni condivisione della notizia di Angela le fa crescere il numero dei seguaci, ma stavolta è per una buona causa”.

Risultato: che la sfida tra gli Angela abbia inizio!

#FacceCaso

Di Eleonora Santini

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0