Tempo di lettura: 2 Minuti

Te sfondi a pranzo e cena? Zuccherometro e passa la paura

Te sfondi a pranzo e cena? Zuccherometro e passa la paura

Lo zuccherometro arriva "sulle tavole" di tutti gli italiani. Tra lockdown, lieviti e merendine qua stiamo lievitando noi. Speriamo ci salvi. E se ci

Alunni in pigiama, i presidi si lamentano
Nuovo DPCM nuova corsa, ma non cambia quasi nulla. Ecco il recap
Regione Lazio, nuova ordinanza: in piscina non si urina! Ma dove andremo a finire??

Lo zuccherometro arriva “sulle tavole” di tutti gli italiani. Tra lockdown, lieviti e merendine qua stiamo lievitando noi. Speriamo ci salvi.

E se ci fosse un nuovo lockdown, come faremmo? Di nuovo a preparare torte, pizze, fritti. Lieviti madre che nascono come fiori in primavera, biscotti che crescono nei forni come grattacieli a Dubai, zuccheri che zuccheri nel sangue fermati ti prego basta ho il diabete basta mischiare la coca-cola con il caramello ti prego fermati il cuore non regge più mangia un sedano sii buono!!!

Pregando perché questa situazione non si realizzi, e che rimanga solo un incubo scampato, intanto è stato messo a punto il famoso piano B. Un eroe è giusto in città, non l’eroe che volevamo ma quello di cui avevamo davvero bisogno: lo zuccherometro!

Zuccherometro, salvaci tu

Oltre all’eccessivo consumo di zucchero, negli ultimi anni è aumentata l’assunzione di fruttosio aggiunto a bevande e cibi”, ha detto all’Ansa Claudio Maffeis, professore di Pediatria all’Università di Verona, e Presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica. “Questo contribuisce alla comparsa di fegato grasso e all’aumento dei livelli circolanti di lipidi ed è stato indicato come uno dei fattori che promuovono l’eccesso di peso e la sindrome metabolica”.

È per questo che c’hanno regalato questo strumento, lo zuccherometro appunto. Basta andare su questo sito, immettere i cibi che si sono assunti durante il giorno e il gioco è fatto. Saprete quanto zucchero avete assunto. Pensate che, secondo i Larn, dovreste mangiare una quantità di zuccheri giornalieri per un massimo del 15% dell’apporto calorico. Tradotto: un bambino maschio di 8 anni non dovrebbe mangiare più di 7 cucchiaini, si hai capito bene cucchiaini, non cucchiai né barattoli o cisterne, di zucchero.

Ci salveremo? Come faremo? Piscine chiuse, palestre chiuse, tutto chiuso. Se non faccio le pizze che faccio? Hai ragione. Hai il nostro permesso. Prenditi sti chili in più, sto mese difficile, che tanto ti tengono caldo per l’inverno. Poi ci pensiamo più in là. Quando pensare agli zuccheri tornerà ad essere la nostra più grande difficoltà.

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0