Tempo di lettura: 2 Minuti

Tempo di Halloween: le migliori curiosità sulla festa delle streghe

Tempo di Halloween: le migliori curiosità sulla festa delle streghe

Anche se non possiamo festeggiare Halloween nel migliore dei modi, approfittiamo del 31 ottobre per imparare qualcosa su questa strana festa che ci ha

La bellezza è molto più che tacchi e un po’ di trucco sul viso
Le 11 ore di terrore dell’Università americana di Kabul
Ansia social e sparatutto-pure-troppo, è il TG USA…2.0

Anche se non possiamo festeggiare Halloween nel migliore dei modi, approfittiamo del 31 ottobre per imparare qualcosa su questa strana festa che ci ha conquistati tutti.

Giovany, mentre il fantasma di un nuovo lockdown si intravede all’orizzonte, oggi abbiamo deciso di raccontarvi qualcosa sulla festa dei fantasmi per eccellenza: sto parlando di Halloween (o Allauin se lo traduciamo in Deluchiano).

Anche se per quest’anno dovremo rimandare dolcetti (tragedia), scherzetti e costumi vari, possiamo e potete leggere le migliori curiosità che riguardano la seconda festa più amata dagli americani dopo il Natale. Che origini ha? Perché mai dovremmo festeggiare streghe, fantasmi e zombie? e che cavolo c’entrano le zucche? so che questi quesiti vi perseguitano da anni e quindi, eccomi pronta a rispondere.

Da dove viene?

La festa di Halloween ha origini celtiche: gli antichi abitanti della Gran Bretagna, celebravano la fine dell’estate il 31 ottobre odierno e si preparavano così ad accogliere l’inverno, considerata la stagione del freddo e quindi, della morte. La parola Halloween però ha origini più recenti ed è legata alla tradizione Cattolica. Papa Gregorio IV, istituì nell’840 la festa di Ognissanti (il primo Novembre) ispirato proprio dalla più antica tradizione pagana. “Halloween” deriva infatti da “All Hallows’ Eve” ovvero “vigilia della notte di tutti i Santi”.

Che c’entrano le zucche?

La tradizione delle zucche nasce in Nord America e non in Inghilterra (shock!). Tradizionalmente, la sera del 31 ottobre, per rendere omaggio ai morti, in Gran Bretagna si intagliavano le rape con cui si costruivano delle vere e proprie lanterne. La prima attestazione dell’uso delle zucche è mooolto più recente; risale infatti al 1834: negli Stati Uniti, non trovando le rape, si so arrangiati così!

E le streghe?

Per capire l’origine delle streghe dobbiamo invece tornare ai tempi dei celtici: visto che il 31 ottobre corrispondeva con la fine dell’estate e l’inizio di un anno nuovo, durante questa notte, nei villaggi, venivano chiamate le streghe a prevedere il futuro. La stessa parola “witch” deriva dall’espressione “wise women”, donna saggia, capace quindi, di leggere il futuro.

Il “Trick or treat”

Il famoso dolcetto o scherzetto ha origini sia nella tradizione pagana che in quella Cattolica. I celtici, la sera del 31 ottobre, andavano in giro per la città e si scambiavano vino e cibo. Mentre il giorno di Ognissanti, nella tradizione cristiana, i mendicanti che chiedevano l’elemosina ricevevano un dolce con l’uvetta: per ogni dolce ricevuto, promettevano in cambio di pregare per un’anima morta.

#FacceCaso

Di Margherita Bonsignore

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0