Tempo di lettura: 1 Minuti

A scuola con… Fabrizio Frizzi!

A scuola con… Fabrizio Frizzi!

Che scuola hanno frequentato i VIP italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuova rubrica. Oggi tocca al nostro eterno Woody, Fabrizio Frizzi. Vi siete

In Sicilia un ragazzo su quattro non va a scuola
Lavorare durante gli studi? Al Politecnico di Milano si può
Global Junior Challenge: l’innovazione riparte dai giovani

Che scuola hanno frequentato i VIP italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuova rubrica. Oggi tocca al nostro eterno Woody, Fabrizio Frizzi.

Vi siete mai chiesti quale scuola avessero frequentato da adolescenti personaggi come Salvini, PIF o Salmo? Noi sì. E visto il successo della nostra rubrica sugli sportivi, abbiamo deciso di allargare il campo, includendo nella nostra indagine attori, musicisti, politici e chi più ne ha più ne metta.

Domani ricorrerà il 25° anniversario dell’uscita nelle sale del primo capitolo della bellissima saga di Toy Story e con l’occasione, noi nostalgici di FacceCaso abbiamo deciso di dedicare questa puntata della rubrica all’inimitabile voce del mitico Woody: l’eterno Fabrizio Frizzi.

Chiunque abbia avuto la fortuna di conoscere e di poter chiacchierare (anche solo per pochi minuti) con Fabrizio, si sarà sicuramente accorto di che persona straordinaria fosse. Completamente dedito al proprio lavoro, che esercitava sapientemente, lontano dalle scene Fabrizio era un uomo per bene; solare e disponibile con tutti, umile e generoso con i deboli e dolce e affettuoso con sua figlia Stella.

Era una persona di sani principi e di valori nobili insomma. Quei valori che solamente una famiglia rispettabile come la sua e una buona educazione cattolica potevano trasmettergli. E difatti è proprio in un liceo classico dei Padri Scolopi che Fabrizio ha conseguito il suo diploma di maturità.

Si tratta dell’Istituto Superiore “San Giuseppe Calasanzio” di Roma (Viale Cortina d’Ampezzo 256), dove per ricordarlo è stata creata una borsa di studio e affissa una targa in suo onore. Conclusi lì gli studi superiori, Frizzi si iscrisse anche alla Facoltà di Giurisprudenza de La Sapienza, ma lasciò gli studi dopo appena 4 esami.

Probabilmente si accorse che la vita accademica non faceva per lui, che il suo destino era molto più nobile di una laurea in giurisprudenza. Si accorse, insomma, che era nato per uno scopo importante: far sorridere la gente. E nella sua quarantennale carriera, non ci è solo pienamente riuscito, è andato anche oltre. Alla fine ci ha fatto anche piangere, come il finale di Toy Story 3.

Grazie Fabrizio ❤️

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0