Tempo di lettura: 1 Minuti

Musica sottovalutata? Beh, forse non conosci l’Effetto Mozart e la Musicoterapia

Musica sottovalutata? Beh, forse non conosci l’Effetto Mozart e la Musicoterapia

La musica, da sempre principale alleata dei giovani, per catarsi o per passione, si avvicina sempre più al campo terapeutico, dall’essere una forma d’

Chirurgia non è una scelta da giovani
Corona d’alloro: perché si indossa?
È italiano il ragazzo con il pacemaker più piccolo al mondo

La musica, da sempre principale alleata dei giovani, per catarsi o per passione, si avvicina sempre più al campo terapeutico, dall’essere una forma d’arte alla psicologia ed alla chirurgia ma andiamo per gradi …

Quando si parla di musica subito ci ricordiamo i bei tempi dei concerti e riaffiora anche quel periodo d’isolamento adolescenziale che abbiamo avuto tutti, in cui stavamo 24h su 24 con le cuffiette a palla, ringraziando il nostro povero udito che non ci abbia punito con fischi e ronzii particolarmente fastidiosi, come l’acufene.

Eppure, da quando è nata la psicologia come scienza ufficiale, sono stati condotti numerosissimi esperimenti riguardanti tante sfere: una di queste è il rapporto tra l’udito, la musica e le parti cerebrali stimolate da questa.

Basti pensare che già, nel 1933, due ricercatori americani (Shaw e Rauscher) hanno fatto ascoltare la “Sonata a due pianoforti in re maggiore” di Mozart a diversi studenti, facendogli fare il test di intelligenza spaziale di Stanford-Binet.

Nature

Senza scendere nei particolari dell’esperienza, venne pubblicato il risultato dell’esperimento su Nature, una delle più importanti riviste scientifiche esistenti, e questo fenomeno venne chiamato l’Effetto Mozart; difatti, i soggetti, hanno avuto un miglioramento nelle prestazioni al test, rispetto a quelli che non avevano ascoltato nulla.
Peccato però che non è un effetto duraturo, e non funziona su tutti, ma il miglioramento dell’umore è di certo testato.

Così la musica classica sbarca nella chirurgia, infatti recentemente, ad Ancona, un bambino di 10 anni è stato operato al midollo spinale con un sottofondo pianistico suonato da Emiliano Toso direttamente in sala operatoria.

Frequenza di guarigione

La particolarità sta nel pianoforte: accordato alla frequenza di guarigione; per intenderci, il pianoforte emanava le stesse vibrazioni sonore che si trovano in natura. Sarà ora di rivalutare la musica come terapia per l’umore e per la salute?

D’altra parte, anni fa, molti tirocinanti alle accademie musicali del nord, andavano a suonare negli ospedali, abitudine che poi si è persa strada facendo; ma non sarebbe bello se venisse introdotta, a livello nazionale, la possibilità di tirocinio negli ospedali anche per i laureandi in musica?

Non sarebbe un’esperienza imperdibile? Che arricchirebbe soprattutto a livello umano?

#FacceCaso

Di Alessia Sarrica

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0