Tempo di lettura: 2 Minuti

“Body Positive”: e così ogni corpo svela un’autentica bellezza oltremisura!

“Body Positive”: e così ogni corpo svela un’autentica bellezza oltremisura!

Il Body Positive scalfisce il Body Shaming. Ecco come annientare questa derisione virtuale con un gesto radicale d’amore verso noi stessi: self love!

Il Mukbang è la nuova moda web, scopri di cosa si tratta!
Sogni di diventare influencer? Ora c’è un corso universitario che fa al caso tuo!
Università della moda di Venezia, l’unica in Italia

Il Body Positive scalfisce il Body Shaming. Ecco come annientare questa derisione virtuale con un gesto radicale d’amore verso noi stessi: self love!

Il Body Positive è un fenomeno che potremmo tradurre come reazione spontanea a un sistema di canoni di bellezza predefiniti, introdotti come concetto di “normalità”.

Il contrasto è già bello che evidente nell’accostamento di termini come “bellezza” e “predefinita” ed è triste vedere che, ancora oggi, ci si debba difendere di fronte ad attacchi e critiche amplificate attraverso il Web.

E se le critiche non smettono, le reazioni non mancano. Il “fenomeno Adele” rappresenta un’autentica testimonianza in merito per averla definita “raggiante” dopo la notevole perdita di peso. Ma si dà peso anche all’episodio di depressione grave che lo ha causato? No, si googla la dieta miracolosa autrice della sua “impresa incredibile”.

È una battaglia, questa, che vede vittime un gran numero di persone, ma che da un po’ – fiere del loro corpo e felici di abitarvi dentro – sono entrate nella giusta strada dell’accettazione di sé stesse e del #BodyPositive.

Tutti uniti per un obiettivo comune: andare contro il Body Shaming, fenomeno di derisione del corpo degli altri, a prescindere che sia troppo magro, troppo grasso o troppo alto.

Forse è anche troppo il tempo del retaggio culturale a cui abbiamo obbligatoriamente assistito fin qui e, inoltre, non ci si limita alla mancanza di solidarietà femminile nella vetrina dei social in cui gli attacchi prescindono dal sesso.

Ma l’autoconsapevolezza, si sa, è di genere femminile.

Così come la voce delle donne che grida con forza, a chi ancora è scettica nei propri confronti, di essere uniche (Body Acceptance). E poi “in qualità di persone con un corpo che non viene considerato bello – e senza privilegi – abbiamo bisogno di quello spazio sicuro in cui festeggiare noi e ciò che ci rende così bell*” spiega Stephanie Yeboah, scrittrice e styler blogger oversize.

Ecco l’immenso amore che deve prendere (anima e) corpo.

#FacceCaso

Di Eleonora Santini

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0