Tempo di lettura: 1 Minuti

Sanremo quest’anno se la canta e se la suona tutta in “green”

Sanremo quest’anno se la canta e se la suona tutta in “green”

Il Festival della canzone italiana si tinge di verde: ecco come Sanremo ha voluto adottare la filosofia green attraverso le note di una playlist tutta

Università di Bologna capofila nel progetto eCircular: obiettivo zero plastica
La Toscana guarda al futuro: scuole all’avanguardia ed ecosostenibili
UniToGo, l’università di Torino diventa green

Il Festival della canzone italiana si tinge di verde: ecco come Sanremo ha voluto adottare la filosofia green attraverso le note di una playlist tutta eco.

Perché Sanremo è Sanremo”: l’evento dell’anno che cattura sia voi – cari amministratori – che avete già creato il gruppo d’ascolto su WhatsApp per non perdere il dopofestival e sia voi, agnostici sanremofobi, convinti che sia un concerto privato per Al Bano che canta ripetutamente “Felicità”.

Ma la settantunesima edizione del Festival vuole trasmettere un qualcosa in più in un periodo che, colpendo basso, ha reso meno: adottare una filosofia green con una musica per l’ambiente, per esempio!

Sul canale YouTube “Music for the environment” di Comieco, il Consorzio Nazionale per il Riciclo di Carta e Cartone, ha creato una playlist di 15 brani musicali che incentiva un atteggiamento eco-friendly dall’anima sostenibilmente green.

Da qui, l’idea brillante di sfruttare la potenza della musica per sensibilizzare su principi e pratiche ecosostenibili sullo sfondo del palco più noto della canzone italiana, quello dell’Ariston. È un perfetto background, questo, che avvalora la tesi per cui la musica, in quanto arte, può offrire tanto con canzoni che fanno riflettere.

E che, tra l’altro, sono sempre esistite.

Nei pezzi selezionati riemergono gli storici sapori di autori intramontabili degli anni ’60 e ‘70, come Adriano Celentano e il suo “Ragazzo della Via Gluck” e “Montagne verdi” di Marcella Bella, fino ad arrivare alla lettura in chiave moderna di Rancore e il suo brano “Eden” dal severo retrogusto amaro (2020).

È una modalità di comunicazione che sente il bisogno di cantare, appunto, un nuovo percorso di cambiamento dove – come confermano gli esperti di AstraRicerche – la musica riesce a “influenzare e modificare i propri comportamenti”.

Ah un’ultima cosa che è più che giusto ripetere cari giovany: nella playlist ci sta pure Al Bano. Giuro!

#FacceCaso

Di Eleonora Santini

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0