Tempo di lettura: 2 Minuti

Vocabolario da serie TV e istruzioni per l’uso: ecco quando dirlo, come e perché!

Vocabolario da serie TV e istruzioni per l’uso: ecco quando dirlo, come e perché!

Siamo tutti attratti dalle serie TV, ma conosciamo realmente la terminologia che le definisce? Ecco qualche soft-skills che dobbiamo tenere sempre a m

Prima e dopo la laurea: come stanno messi gli studenti?
Test di ammissione a numero chiuso 2018, le cose da sapere
La scuola più scelta è il liceo scientifico

Siamo tutti attratti dalle serie TV, ma conosciamo realmente la terminologia che le definisce? Ecco qualche soft-skills che dobbiamo tenere sempre a mente.

Le serie TV e la loro terminologia sono ufficialmente parte integrante della nostra quotidianità.

A volte ne abusiamo, altre volte non lo comprendiamo, ma una cosa è certa: il gergo televisivo vuole strizzare l’occhio alle nostre uscite sociali tra un cliffhanger e una running gag… Tranquilli, ve lo spiego!

Iniziamo il nostro vademecum da serie TV con un termine che vi farà assumere un elevato aplomb cinematografico perché da oggi non direte più che quella serie non vi ha appassionato, ma è avvenuto un “jump the shark”.

Il “salto dello squalo” è quell’espressione avvolta da una nota dispregiativa che provoca delusione nei confronti di una trama inverosimile. Non a caso, il termine deriva da una scena di Happy Days in cui Fonzie, il protagonista, salta uno squalo mentre fa sci nautico con il suo iconico chiodo di pelle. Finita la creatività della storyline? Ecco il declino!

Cambiamo registro e addentriamoci in quel finale di stagione dove nell’ultimo minuto ci mostrano un colpo di scena in cui il protagonista rimane ferito e… Buio. Sigla finale e titoli di coda: bisogna aspettare la prossima stagione (risata malvagia in sottofondo). Ecco, questo è un cliffhanger, letteralmente tradotto con “rimanere appesi sull’orlo di un precipizio”. Rende l’idea, no?

E ora è il momento della running gag: di facile intuizione, è una trovata comica (gag) ricorrente (running) all’interno dello spettacolo. La serie Friends ne è un esempio calzante, accogliendo anche le catch-phrase – stesso ragionamento racchiuso nelle frasi – che donano una specifica identità al format: “How you doin’?”.

In conclusione, potrete definire un membro della famiglia “mansurfing” quando abusa del controllo sul telecomando, interrompendo così la vostra binge watching cioè la visione – letteralmente “abbuffata” – di episodi di una stessa serie, che potrebbe sfociare in binge racing. Sì, è un’estrema maratona di tutti gli episodi di una nuova stagione a 24 ore dalla sua uscita.

La leggenda narra che sono tutti sopravvissuti…

#FacceCaso

Di Eleonora Santini

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0