Tempo di lettura: 1 Minuti

2k10, L’Anno Zero dei Social: Il Pancio racconta il web da addetto ai lavori

2k10, L’Anno Zero dei Social: Il Pancio racconta il web da addetto ai lavori

Andrea Panciroli esce nuovamente dal suo personaggio e racconta la storia del Pancio e dei social network nel suo libro "2k10, L'Anno Zero dei Social"

Ecco come cambia l’università durante il Coronavirus
Galina Mursalieva racconta la “Blue Whale”: è lei che ne ha parlato per prima
Legge di Bilancio 2018: scopriamo insieme di cosa si tratta

Andrea Panciroli esce nuovamente dal suo personaggio e racconta la storia del Pancio e dei social network nel suo libro “2k10, L’Anno Zero dei Social”.

Il titolo contiene un’inesattezza. L’autore del libro non è Il Pancio, il personaggio, ma Andrea Panciroli, è una precisazione doverosa. 2k10, L’Anno Zero dei Social è la sua prima pubblicazione e non è la classica biografia dello YuoTuber. Anche perché, se vogliamo essere precisi, Il Pancio è una Facebook Star.

Andrea Panciroli racconta da addetto ai lavori la storia del web, dal 2010 al 2020, dei personaggi che vi si sono avvicendati, dell’evoluzione dei social network e di come abbiano invaso con prepotenza la vita di ciascuno di noi. 2k10, L’Anno Zero dei Social probabilmente è l’ennesimo tentativo di un creator di reinventarsi, ma è anche la testimonianza che il web si sta evolvendo e che gli ultimi dieci anni di storia di internet faranno giurisprudenza per il futuro.

Avevamo già apprezzato Andrea Panciroli in The Millennials, la sua prima serie su YouTube senza il personaggio. Dedicata alla figlia Mia, nasceva dalla consapevolezza che la generazione dei millennials è la prima a dover rispondere ai propri figli dei contenuti postati sui social network.

Ora, in 2k10, L’Anno Zero dei Social, Panciroli riavvolge il nastro e racconta la sua storia e quella delle persone che hanno lavorato con lui. I fallimenti, i successi, i dettagli, il dietro le quinte. A meno che non siate anche voi degli addetti ai lavori, il libro metterà in luce degli aspetti dei social network che abbiamo sempre trascurato o dato per scontati, dei tranelli nei quali siamo cascati.

La storia del Pancio è un po’ il riflesso delle ambizioni social di tutti noi. Lui, però, come altri suoi colleghi, alcune cose le ha capite prima degli altri, le ha sperimentate con il suo lavoro (sì, è un lavoro). La narrazione di 2k10 è molto accurata: quando avrete finito di leggere il libro e aprirete l’app di Instagram, la percepirete in modo diverso.

#FacceCaso

Di Luca Matteo Rodinò

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0