Tempo di lettura: 3 Minuti

Aria sana in casa? Piantatela (ma proprio letteralmente, dico!)

Aria sana in casa? Piantatela (ma proprio letteralmente, dico!)

In questo momento storico aumentano le ore da trascorrere in casa e la voglia di aria sana può risultare una delle necessità primarie. Complici perfet

Scuole rotte e sempre più maltrattate: quando la responsabilità è al 50%
Al liceo scientifico Donatelli-Pascal il potere dà alla testa
Mondiali di canottaggio in Bulgaria: grandi risultati per i giovani italiani

In questo momento storico aumentano le ore da trascorrere in casa e la voglia di aria sana può risultare una delle necessità primarie. Complici perfette sono le piante: ma quali? Dove posizionarle? Ecco tutto quello che dovete sapere.

Alle elementari mi bastavano due parole per sentirmi una super divulgatrice scientifica al pari di Margherita Hack. Vado. Le scrivo, ma per favore leggetele con la giusta intonazione perché sto parlando proprio di lei: la fotosintesi clorofilliana. E sì, l’aria c’entra qualcosa!

E ora buttiamo in mezzo un po’ di numeri – ed è subito Pitagora.

Con uno studio a Nuova Delhi, in India: 3000 piante in 4600 mq che ospitano 300 lavoratori che hanno ottenuto effetti positivi sulla loro salute; il 52% ha constatato una minore irritazione agli occhi, il 24% una minore emicrania, il 20% minori problemi respiratori e il 10-12% meno danni polmonari/asma, con un finale incremento del 10% di ossigeno nel sangue.
Tutto questo per dire che le piante negli spazi chiusi sono il top. Anzi, “top five” perché sono cinque le piante in classifica che bisogna avere in casa per purificare l’ambiente.

Ecco le fantastiche cinque da avere in casa

Cari giovany, vi presento l’Areca da mettere in soggiorno! Come tutte le piante è biologicamente nata per catturare anidride carbonica e rilasciare ossigeno (in perfetto stile fotosintesi), ma lei è super speciale perché elimina xilene, formaldeide e toluene (tutte sostanze chimiche brutte e pericolose).

  • Perfetta per la camera da letto è la Sanseveria, conosciuta come “lingua di suocera” – non chiedetemi perché! – del tipo sempreverde e famosa per la produzione di ossigeno notturno.
  • Oppure optate per la Gerbera Daisy, posizionatela sul comodino e date il benvenuto a un sonno migliore.
  • Ottima per la cucina invece è la pianta Pothos che non solo è tra le piante più quotate tra le bacheche di Instagram, ma è tra le più semplici da coltivare
  • Ed infine concludiamo con la più comune, la Aglaonema. Segni particolari: alta efficienza di rimozione di sostanze nocive nell’aria.

Ahh, quando ecologia e salute si integrano!

#FacceCaso

Di Eleonora Santini

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0