Tempo di lettura: 3 Minuti

Coachella 2022: ecco tutto ciò a cui davvero non hai Fatto Caso

Coachella 2022: ecco tutto ciò a cui davvero non hai Fatto Caso

Il Coachella, il festival musicale californiano torna dopo due anni post-covid, insieme ai suoi look hippie e stage immensi che hanno ospitato artisti

Posticipare la campanella d’ingresso? La California dice di sì
Sfida intercontinentale tra Università: Europa batte Usa 105 a 95
Piccole università italiane: regna Pisa!

Il Coachella, il festival musicale californiano torna dopo due anni post-covid, insieme ai suoi look hippie e stage immensi che hanno ospitato artisti come Harry Styles, The Weeknd, Billie Eilish e per la prima volta anche i nostri Maneskin.

Per chi di voi che non sa cosa sia il Coachella: siamo in un deserto in Indio, California.
Un sole che spacca le pietre, una brezza che alza la sabbia, sette palchi giganteschi sparsi per la valle, a letteralmente chilometri di distanza. Questi ospitano ogni anno nuovi cantanti, musicisti, band e DJs di ogni genere e provenienti da tutto il mondo, dalla mattina a notte fonda. Aggiungete poi una buona dose di celebrità, modelle ed influencers, qualche cappello da cowboy e vestiti anni ’70 e voilà.

“Coachella”, nome che deriva in realtà da un errore ortografico della parola spagnola “Conchilla” (piccola conchiglia) è la valle che ospita la manifestazione ed è nata nel 1999 diventando poi un appuntamento annuale per gli amanti della musica.

Nei primi tempi era questa la vera protagonista, il festival era un revival anni ’70 ma successivamente con l’arrivo dei social media e soprattutto di instagram, è stato strumentalizzato, spettacolarizzato e capitalizzato, perdendo un po’ il suo spirito.

Difatti sono numerosissimi gli influencer che ogni anno partecipano e vengono pagati per sponsorizzare il o particolari brand, ed è così che la moda ha acquisito particolare rilevanza per il Coachella.
Diventato ormai una vera è propria passerella dove sfoggiare i propri look, un luogo “instagrammabile” grazie anche alle sue numerose installazioni artistiche, la celebre ruota panoramica che si erge nel mezzo del deserto e l’immancabile SPECTRA, edificio di sette piani dai vetri colorati.

È da qui che vengono lanciati i trend dell’anno ed è una grande occasione commerciale per i marchi di moda, soprattutto per quelli del fast fashion, che lanciano linee ad hoc per il Coachella. L’industria della moda ha riscontrato un aumento del 173% rispetto al 2019 grazie alla vendita per il festival fashion e sappiamo tutti quanto ciò sia dannoso per l’ambiente. Fortunatamente in molti hanno preferito comprare i propri outfit in negozi vintage o di seconda mano.

Durante i due weekend in cui si è svolto il festival (quello del 14 e del 24 aprile) si sono esibiti più di 100 artisti sui sette stages, a volte inevitabilmente sovrapponendosi. Tra gli headliners, ovvero coloro che hanno cantato sul palco principale, vi sono stati Harry Styles, in una tutina gucci di paillettes che ha presentato due inediti e la pop-punk star Billie Eilish; e tra gli altri da ricordare abbiamo Doja Cat, Megan Thee Stallion e i Maneskin, che si sono fatti riconoscere con i loro look bondage e un’energia che ha infiammato il palco.
Sembra che quest’anno il Coachella non abbia fatto molto rumore per quanto riguarda gli abiti e velleità simili.
Saranno stati i due lunghi anni di pandemia che ci hanno fatto riscoprire l’importanza della musica dal vivo?

#FacceCaso

Di Alice Fuschiotto

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0