Tempo di lettura: 1 Minuti

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di Pianista Indie

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di Pianista Indie

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è Pianista Indie a passare sotto le grinfie della nostra redazione per parlare del nuovo si

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo album di Dado Bargioni
FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di KRAM
Ariete, specchio di una generazione che ha bisogno di musica

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è Pianista Indie a passare sotto le grinfie della nostra redazione per parlare del nuovo singolo.

Fuori da venerdì 27 aprile per l’etichetta Fenix Champions League, il nuovo singolo di Pianista Indie. L’estate ha fatto capolino in anticipo e con lei l’argomento principe di questa stagione che se ne frega di tutto e di tutti a parte vacanze, amore e sesso… Tutto bello, a meno che non si affronti l’argomento – più o meno “serio e impegnato” – come fosse una continua lotta, a chi ha l’ultima parola, a chi la spunta, a chi vuole piantare la bandierina o fare goal.

Soggetto ormai noto alla scena indie, siamo andati a conoscere il Pianista per eccellenza, ed ecco com’è andata!

Questo sito è dedicato agli studenti, quindi iniziamo chiedendoti qualcosa riguardo il tuo percorso scolastico
Ho studiato giurisprudenza e mi sono laureato a Bologna. Il percorso universitario è stata una delle esperienze più belle della mia vita; lo consiglierei a tutti a prescindere dal risultato e dagli sbocchi futuri lavorativi, che in Italia non esistono.

Si può fare musica anche senza studiarla? Com’è stato per te?
Ho studiato pianoforte per tanti anni ma suono chitarra, basso e batteria da autodidatta. Nella musica non ci sono regole, è come l’amore. La tecnica però ti permette di realizzare con semplicità cose che altrimenti non saresti in grado di fare. Il problema è quando la tecnica diventa una gabbia, un recinto.
C’è bisogno di equilibrio.

Cosa serve per emergere dalla scena musicale sovraccarica del 2022?
Non è necessario emergere. È importante fare bene quello che ci piace fare. Non si crea arte per farle emergere, non si crea arte per fare numeri su Spotify. Quello è un altro film, un altro mondo e non è il mio.

Che cos’hanno in comune basket e musica?
Il gioco di squadra.

Hai già dei piani per il resto del 2022?
Sì. Continuerò a pubblicare tanta musica e spero di portarla in giro il più possibile.
Potete seguirmi sui miei social per capire dove e quando.
Ciao

#FacceCaso

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0