Tempo di lettura: 1 Minuti

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo album di Alessandro Fedrigo

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo album di Alessandro Fedrigo

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è Alessandro Fedrigo a passare dalla nostra redazione per parlare del nuovo album. Esce ve

MATUCHENESAIDEISOGNI sta tornando! Stavolta ci si vede a Largo Venue
Gli Ex Marte hanno racchiuso le False promesse nel loro nuovo singolo
FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di International Washing Machines

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è Alessandro Fedrigo a passare dalla nostra redazione per parlare del nuovo album.

Esce venerdì 28 ottobre 2022 “Onda M”, il nuovo album solista di Alessandro Fedrigo, fuori per l’etichetta Record Y. Un nuovo capitolo per il poliedrico compositore e musicista che, a partire da suoni quotidiani e nascosti su strati di normalità, ci regala nuove composizioni e improvvisazioni elettroniche qui raccolte.

Del disco, Alessandro racconta “Ad un certo punto ho iniziato a registrare i suoni che stavano attorno a me, spesso rumori casalinghi o conversazioni, momenti di vita, e li inserivo all’interno di composizioni e improvvisazioni elettroniche. É straordinario scoprire nuovi mondi sonori utilizzando software e field recordings e poi visitarli ed improvvisarci col suono del mio basso. La mia ricerca sonora in questo ambito è all’inizio ma vedo territori sconfinati con potenzialità tecnologiche e di suggestione straordinarie.”

E non potevamo che farci raccontare tutto di lui, a partire, come sempre, dal suo percorso scolastico.

Questo è un portale dedicato agli studenti, quindi non possiamo che iniziare col chiederti qualcosa riguardo il tuo percorso scolastico!
Dopo le scuole medie mi sono iscritto al Liceo Scientifico, e poi dopo la Maturità ho frequentato la Facoltà di Scienze Politiche a Padova, ma non mi sono laureato, suonavo già in alcuni gruppi e insegnavo musica, parecchi anno dopo mi sono laureato in Jazz al Conservatorio di Vicenza, insomma la musica ha prevalso!

E per quanto riguarda lo studio della musica? Si può fare musica, senza studiarla? Com’è stato per te?
Credo che lo studio della musica possa avvenire in tanti modi, frequentare un maestro, un conservatorio, una scuola o guardare dei video su youtube, leggere un libro. Oppure imparare facendo, trovo che comunque i percorsi si debbano integrare, personalmente studio sempre, appena ho tempo. Continuo a prendere lezioni. Trovo che lo studio sia un nutrimento costante della creatività.

A cosa fa riferimento il titolo “Onda M”?
I suoni sono delle onde, onde sonore. Mia moglie un giorno mi ha mandato una registrazione via whatsapp che conteneva solo dei suoni del suo ufficio, era una registrazione erronea e io da quei pochi rumori ho costruito un pezzo, il titolo che avevo dato mi era piaciuto (più del pezzo) ed era simbolico di un modo di procedere che ha contraddistinto tutto l’album.

Cosa ti ha fatto distaccare dal jazz per il tuo progetto solista?
Ma per me questo è un disco di jazz, solo che è stato concepito con un software, e in quasi totale solitudine. Credo che il jazz si possa fare con qualsiasi strumento (e un software è uno strumento).
Ovviamente intendo il jazz come una modalità, come un atteggiamento creativo e non come uno stile, almeno questa è la mia personale visione.

E se proprio dovessimo incastrarti in un genere, quale sarebbe?
Non saprei bene, credo che le parole chiave siano improvvisazione e sperimentazione. Experimental and improvisation per dirla in inglese.

Qualche dettaglio tecnico super nerd riguardo questo album che potremmo sapere solo da te?
Ho usato Ableton 9, e in particolare le automazioni, scritte a matita in modo molto impreciso dunque. Ora ho scaricato la versione 11 e nel prossimo lavoro ci saranno molte mappature e l’uso di strumenti come l’Envelope Follower e il Gate che sono mappabili su tantissimi parametri e rendono l’ambiente molto incontrollato e instabile, tutto questo mi sembra molto interessante e stimolante.

#FacceCaso

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0