Tempo di lettura: 2 Minuti

I migliori album del 2022 per un anno da ricordare… in musica!

I migliori album del 2022 per un anno da ricordare… in musica!

Un anno pieno di ritorni col botto e debutti scoppiettanti. Qualunque sia il vostro genere preferito avrete di sicuro avuto pane per i vostri denti, e

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo album di Gamaar
FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo album di Tobja
Il nuovo singolo di wLOG? Un brano decisamente… WILD!

Un anno pieno di ritorni col botto e debutti scoppiettanti. Qualunque sia il vostro genere preferito avrete di sicuro avuto pane per i vostri denti, ecco gli album più amati dell’anno.

C’è chi si è preso un tè nella “casa di Harry”, chi ha fatto un viaggio in moto con Rosalìa, chi ha pianto sulle note malinconiche di Mitski e chi è tornato a ballare in discoteca con Bad Bunny…
Insomma il 2022 ci ha regalato grandi album, vediamo se li avete ascoltati tutti:

1. Un verano Sin Ti – Bad Bunny
Al primo posto anche nelle classifiche del Times e di Rolling Stones. Un Verano Sin Ti è il quarto album del giovane rapper portoricano.“Un estate senza te” è un disco di ben 23 tracce , ispirato dalla musica caraibica e reggaeton. Da ballare, divertente, sensuale ma anche serio, una lettera sincera al suo Paese natale.

2. MOTOMAMI – Rosalìa
Ne abbiamo già parlato. Produttrice, musicista, cantante e performer. La nostra spagnola preferita è tornata dopo anni con lo sperimentale Motomami: reggaeton, new flamenco e ballate virtuose che mettono in risalto la sua voce.

3. Mr. Morale and the Big Steppers – Kendrick Lamar
Amore. Perdita. Lutto. Dolore. Dopo cinque anni dal suo ultimo lavoro, il rapper americano torna impersonando nuovi personaggi, nuove voci, sonorità e cadenze. Narra di attualità, del mondo post-covid e di ingiustizia sociale.

4. Laurel Hell – Mitski
Su spotify il suo genere è definito “tragi-pop”, pop tragico e questo dice molto. Un album non voluto dalla stessa cantante, che esplora la sua relazione con la fama in una chiave indie-rock malinconica. Per questo le ci sono voluti circa tre anni per riuscire a concluderlo.

5. Dawn FM – The Weeknd
Il cantante della mega hit “Blinding Lights” si è tuffato tra synth anni ’80 e ballate r&b. Vi sembrerà di ascoltare la vostra radio preferita in macchina, con tanto di presentatore spigliato (che in questo disco viene interpretato da Jim Carrey).

6. Wet Leg – Wet Leg
Un album di debutto. Con già ben quattro nomination ai grammys. Le Wet Leg sono un duo rock inglese, apparse improvvisamente come un fulmine a ciel sereno con il loro singolo di successo “Chaise Longue” (sedia a dondolo).

7. Renaissance – Beyoncè
Come potevamo non includere Queen B. Forse il disco più atteso dell’anno. Per gli amanti del genere dance ed house, questo è proprio quello che fa per voi. Un omaggio alla cultura e storia nera, alla comunità LGBTQIA+ e un inno al divertimento, alla libertà di ballare dopo il lungo periodo di pandemia.

8. King’s Disease III – Nas
Amanti dell’hiphop e del rap vecchia scuola, non vi ho dimenticati. Il quasi cinquantenne Nas sorprende con musica attuale, senza però rinnegare il suo passato con tracce jazz-rap, rap old school e hip-hop puro.

9. Harry’s House – Harry Styles
Un abbraccio caldo più che un album. Styles si presenta con uno stile più maturo e definito con il suo terzo lavoro da solista. Un allegro pop-punk, uno scatenante funk, rilassanti ballate e strappalacrime confessioni.

Allora, li avete sentiti tutti?
Se la risposta è no, cosa state aspettando?

#FacceCaso

Di Alice Fuschiotto

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0