Tempo di lettura: 2 Minuti

Stop ai furbetti: l’Università di Parma licenzia quattro dipendenti

Stop ai furbetti: l’Università di Parma licenzia quattro dipendenti

Secondo gli accertamenti compiuti a dicembre, i quattro si allontanano dal dipartimento di Medicina per frequentare corsi di ballo, nuoto o incontrare

Alternanza scuola – lavoro: iniziativa sensata ma super criticata
Snow è l’app del futuro?
Natale …in classe! Dal 27 dicembre in 8 scuole romane

Secondo gli accertamenti compiuti a dicembre, i quattro si allontanano dal dipartimento di Medicina per frequentare corsi di ballo, nuoto o incontrare parenti e amici. #FacceCaso.

Il fenomeno dell’assenteismo lavorativo rappresenta una piaga sociale che non lascia immune nemmeno l’Università.

Quattro tecnici dell’Università di Parma sono stati sorpresi nei mesi scorsi dalla Guardia di Finanza a fare shopping o palestra dopo aver timbrato il cartellino e sono stati licenziati senza preavviso dall’Ateneo.

Secondo gli accertamenti compiuti a dicembre, i quattro si allontanano dal dipartimento di Medicina per frequentare corsi di ballo, nuoto o incontrare parenti e amici. La Procura ha chiesto il loro rinvio a giudizio per il reato di truffa. Oltre più di 200 ore di assenze ingiustificate dal servizio, con un danno per l’Amministrazione pubblica di migliaia di euro. Il provvedimento dell’Università è stato preso in base al decreto legislativo del 2001 sul pubblico impiego poi modificato dalla riforma Brunetta nel 2009. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0