Tempo di lettura: 2 Minuti

Canada, 19enne uccisa in diretta Facebook.

Canada, 19enne uccisa in diretta Facebook.

Ragazza ammazzata di botte dai coetanei senza un apparente motivo. I social network sono un'arma a doppio taglio. Dipende da come vengono usati. Come

5 progetti al femminile per l’Università del Crowdfunding
Università, a Bari arrivano le lauree a prova di smartphone
iOS 11 e le app incompatibili: ogni volta la stessa storia?

Ragazza ammazzata di botte dai coetanei senza un apparente motivo.

I social network sono un’arma a doppio taglio. Dipende da come vengono usati. Come tutto d’altronde. In Canada, però, si è forse toccato il fondo. Uno scempio difficile da commentare che deve far riflettere.

Si chiama Serena MCKay la ragazza che è stata massacrata ed uccisa a calci e pugni da alcuni suoi compagni il 23 aprile in Canada.

Serena aveva 19 anni ed è stata trascinata con l’inganno nella riserva naturale di Sagkeeng Firt Nation, dove è avvenuto il delitto che è stato filmato e pubblicato in Internet tramite una diretta Facebook.

Non si conoscono ancora i motivi che hanno spinto i coetanei ad un gesto simile tanto che il preside della scuola ha ipotizzato che fossero sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.
Per il momento la polizia ha arrestato due ragazze di 16 e 17 anni ma la lista degli indagati potrebbe aumentare. Il video è nitido e si possono distinguere chiaramente le grida della giovane che chiede disperatamente aiuto.

La scuola e la comunità sono sotto chock e nessuno si spiega né i motivi dell’aggressione né cosa abbia spinto i ragazzi a postare un simile contenuto sul social network più usato del mondo.

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0