Tempo di lettura: 3 Minuti

Wikipedia, i professori americani incitano ad usarlo

Secondo molti docenti sarebbe meglio utilizzare questa enciclopedia online. Quante volte ci è stato detto dai professori “questa ricerca è pessima, l’

Con l’App Nexi Pay vinci fantastici premi
Giovani senza speranza. La triste situazione italiana
Un po’ di arte dall’Italia a Banksy

Secondo molti docenti sarebbe meglio utilizzare questa enciclopedia online.

Quante volte ci è stato detto dai professori “questa ricerca è pessima, l’ha presa da wikipedia?”, oppure “prendete i dati dove vi pare, sulle enciclopedie cartacee, su quelle online, ma non su wikipedia mi raccomando!”. Ebbene, questo trend sta lentamente cambiando e sempre più professori, soprattutto negli Stati Uniti, spingono gli studenti ad utilizzare la famosa enciclopedia ed, addirittura, a migliorarla aggiustandone le voci errate. La pensa sicuramente così Susan Alberts, professoressa di Biologia alla Duke University di Durham, North Carolina, che dice: “Dal punto di vista di uno studente è molto meglio scrivere una voce di Wikipedia che una relazione a fine semestre. In questo modo, inoltre, quando gli studenti scrivono qualcosa non sarà solo il loro professore a leggerlo”.

Questa modalità di insegnamento che sta impazzando in America, ha poi notevoli conseguenze anche sul web: pensate infatti che Wikipedia, secondo uno studio elaborato a maggio sui cellulari dei giovani statunitensi, è uno dei siti più ricercati in tutto il paese, insieme con CNN, New York Times, Washington Post, USA Today e BuzzFeed, veri giganti dell’informazione. Tutto ciò ha portato ad una stretta collaborazione tra studenti e wikipedia, ad esempio se cercate informazioni su Wikipedia a proposito di Teatro e Disabilità, troverete le pagine scritte dagli studenti dell’Emerson College di Boston; oppure se dovrete fare una ricerca a proposito del disturbo depressivo minore, troverete una pagina scritta interamente da studenti della North Dakota State University. Insomma, come al solito negli Stati Uniti vanno di gran fretta e cercano di aprirsi al futuro o, in questo caso, ad un futuro che sia “permanente”.

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0