Tempo di lettura: 2 Minuti

Twitter pronta al cambiamento?

Twitter pronta al cambiamento?

Jack Dorsey, ad Twitter, sarebbe pronto a portare importanti modifiche grafiche e non soloRidefinire l’aspetto del social diventa così una nuova sfida

Un liceo artistico colora le pareti dell’ospedale di Pistoia
Le migliori 10 fermate per studenti di Roma
Dialogo tra le religioni e la pacifica convivenza: la nuova cattedra della Sapienza

Jack Dorsey, ad Twitter, sarebbe pronto a portare importanti modifiche grafiche e non soloRidefinire l’aspetto del social diventa così una nuova sfida.

Twitter potrà presto cambiare, quantomeno nella sua forma grafica e strutturale.

Un nuovo social, l’uccellino pronto a decollare per evolversi, così sembra trasparire sempre più dalle intenzioni di Jack Dorsey, Ceo e fondatore di Twitter.

Ci sono dei problemi tipici ormai dei social network che si sente necessario contenere. Ad esempio messaggi d’odio, fake news, molestie, sono fattori ormai troppo invadenti che vanno contenuti.
Poi la grafica deve subire un notevole restyling, magari semplificando l’interfaccia e rendendolo di nuovo accattivante.

È stato lo stesso Dorsey a toccare questi argomenti in un’intervista al Washington Post.

La sicurezza, un sul ritorno allo stato puro e naturale continuano a essere elementi su cui rifondare quindi il social.
Ad esempio si è sottolineato come l’ultimo calo economico e di utenti dello scorso trimestre sia dovuto a investimenti e pulizia da profili falsi o a rischio.

Questo non basta, e allora pronta la guerra per stanare i bot, con nuove tecnologie, un’etichetta che identifichi quali account lo siano.

Altri elementi da cambiare, come il “mi pice” e il conteggio followers (questi ultimi elementi grafici).

“La cosa più importante che possiamo fare è guardare agli incentivi che costruiamo all’interno dei nostri prodotti”, ha detto Dorsey nell’intervista. “Gli incentivi esprimonoun punto di vista su ciò che vogliamo che le persone facciano. E non penso che siano più corretti”.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0