Tempo di lettura: 2 Minuti

Il paese dove ti pagano per andare all’università

Il paese dove ti pagano per andare all’università

La Danimarca è il paese in cui gli studenti vengono pagati per andare all'università. E quasi la metà sono laureati. Abbiamo parlato più volte di dir

L’Etichetta Prude: due anni di scoperte
Quando conoscere persone diventa qualcosa di più
Sostegni economici all’università di Camerino dopo il terremoto

La Danimarca è il paese in cui gli studenti vengono pagati per andare all’università. E quasi la metà sono laureati.

Abbiamo parlato più volte di diritto allo studio (tipo qui) o di tasse universitarie. Molto lontana da un paese come l’Italia, geograficamente e anche dal punto di vista delle borse di studio troviamo la Danimarca. È uno dei paesi europei con il più alto tasso di studenti laureati, e sai perchè? Perchè vengono pagati per andare all’università.

Ogni mese, uno studente fuorisede prende circa 825€, una cifra che sembra bassa per il costo della vita in Danimarca, ma non è così. Soprattutto, chi vive ancora a casa con i genitori prende molto meno. Un modo strano, ma utile per convincere i ragazzi ad andare via di casa e a continuare il percorso scolastico.

Statens Uddannelsesstøtte, questa parola strana non è altro che quella che indica il sussidio universitario che i ragazzi ricevono. È vero che molto spesso un lavoretto part-time è necessario per integrare questi soldi, ma i ragazzi riescono a vivere da soli già a 18 anni, dopo il liceo.

Sui soldi che prendono, circa 6000 corone, i ragazzi pagano le tasse. Questo significa che da una parte lo stato li aiuta a crearsi una vita propria fin da ragazzi, dall’altra invece i ragazzi stessi contribuiscono alle casse dello stato. Hanno quindi un senso di responsabilità molto più forte di qualsiasi loro coetaneo europeo.

Questo tipo di sussidio ha permesso a quasi tutti i ragazzi che non avevano la capacità economica di andare all’università, di laurearsi e di andare a vivere da soli, senza nessun peso sulla famiglia. È la storia, per esempio, di Mike Gudbergsen, i cui genitori non potevano permettersi l’università e grazie al sussidio è al primo anno di Master in Scienze Politiche dell’Università di Copenhagen (una delle migliori del paese e d’Europa).

Bella storia, no?

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0