Tempo di lettura: 1 Minuti

Stipendio e università: quali sono gli atenei migliori?

Stipendio e università: quali sono gli atenei migliori?

Ci sono degli atenei che "garantiscono" uno stipendio migliore rispetto ad altri, vediamo insieme quali sono. Sono sempre stata dell'idea di dover sf

La battle della trap italiana si fa a suon di tormentoni
Consiglio d’Istituto cercasi: che fine ha fatto la politica studentesca?
Chiudono due scuole a rischio crollo in provincia di Savona

Ci sono degli atenei che “garantiscono” uno stipendio migliore rispetto ad altri, vediamo insieme quali sono.

Sono sempre stata dell’idea di dover sfruttare appieno le opportunità che la vita ci offre. Quelle di andare all’estero, in un’università privata o semplicemente andare a studiare in un’altra città. Io so esattamente di essere fortunata perché i miei genitori mi hanno dato la possibilità di scegliere una delle università più importanti per scienze politiche. Ma quali sono gli atenei migliori in termini di stipendio post lauream?

Innanzitutto c’è da precisare che questi dati sono riferiti all’età dei 45 anni, perché si presuppone che ci sia una certa stabilità economica tale da fare un calcolo preciso. Guardando, però, gli stipendi dei neo laureati la medaglia d’oro va alla Bocconi, d’argento al Politecnico di Milano e di bronzo alla LUISS di Roma. Gli stipendi, in questo caso, superano di almeno tre punti la media nazionale che corrisponde ai 30.000€ l’anno. In fondo alla classifica c’è l’Università degli studi di Messina.

Solo nell’ultima fascia la Bocconi perde il suo primato, in quella da 25 a 34 e da 45 a 54, dove l’università che porta uno stipendio più alto è l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, con un reddito che sfiora i 90.000€.

Ovviamente tutte queste università sono private o para-statali e un altro dato interessante è il tempo di “restituzione dell’investimento”, ovvero quanto tempo passa prima di riprendere i soldi spesi durante il periodo universitario. Avendo stipendi più alti le università private hanno un tasso di restituzione più basso rispetto alle altre, all’incirca di tredici anni, che diventano quindici alla Sapienza di Roma.

Scegliere l’università in base allo stipendio non è cosa giusta ma un occhio al futuro non fa mai male. Per il resto, sfrutta tutte le occasioni!

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0