Tempo di lettura: 2 Minuti

UniCamillus: la nuova università dai valori umanitari

UniCamillus: la nuova università dai valori umanitari

Da circa un anno e mezzo è nata a Roma l'UniCamillus: una nuova università che si ispira ai valori umanitari della professione sanitaria. Dal 4 genna

L’attesa è finita, ecco la QS World University Ranking 2018
Quanto ha preso Greta in pagella?
Edilizia scolastica: l’’Italia presenta a tutta l’Europa il suo piano per il risanamento

Da circa un anno e mezzo è nata a Roma l’UniCamillus: una nuova università che si ispira ai valori umanitari della professione sanitaria.

Dal 4 gennaio 2018 a Roma c’è una nuova università. Si tratta dell’UniCamillus (nome ufficiale: “Saint Camillus Internationa University of Healt and Medical Sciences“). L’iter burocratico di riconoscimento si è concluso con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto del 28/11/2017 che sancisce l’equipollenza dei titoli rilasciati dall’ateneo con tutti quelli delle altre università statali italiane.

La novità non è solo nella recente istituzione. Ma anche e soprattutto nella missione ispiratrice alla base delle attività universitarie di questo nuovo istituto.

La UniCamillus, si legge sul sito ufficiale, è aperta a studenti provenienti da tutto il mondo per prepararli ad essere medici o professionisti sanitari versatili e disposti a rivolgere la loro attività verso i paesi meno fortunati. Il principale interesse divulgativo e accademico è rivolto proprio ai giovani che abbiamo particolare interesse umanitario, scientifico e professionale nei confronti delle problematiche presenti nei paesi in via di sviluppo.

I valori umanitari prima di tutto

Gli studenti e i laureati di questo ateneo avranno sempre presenti i valori umani acquisiti nel percorso di studio. Dignità del paziente e della persona umana sono messi alla base di tutti i programmi didattici. E in linea con questo presupposto, gli obiettivi formativi sono il vero aspetto innovativo dell’ateneo. L’intenzione è quella di preparare e formare medici e operatori sanitari capaci di operare nei contesti difficili delle aree meno sviluppate del mondo.

Non a caso, tra i requisiti imprescindibili per accedere ai corsi è esplicitamente richiesta la condivisione del progetto umanitario dell’università. E in sede di valutazione per l’ammissione, viene presa in considerazione l’attitudine del candidato ad interpretarlo e metterlo in pratica.

Per chi non dispone di risorse economiche sufficienti sono messe a disposizione da organismi nazionali e internazionali attivi nel campo umanitario numerose borse di studio. In questo modo è assicurato un apporto di risorse fondamentale per sostenere futuri medici, infermieri e tecnici che si occuperanno di affrontare alla radice le emergenze sanitarie in tutto il mondo.

Un’ispirazione che nasce da lontano

Figura ispiratrice di questa missione universitaria e San Camillo De Lellis. Religioso del sedicesimo secolo e fondatore dell’ordine dei Chierici Regolari Ministri degli Infermi (comunemente noto come “Ordine dei Padri Camilliani”), che con il suo operato contribuì in modo sostanziale a definire i criteri e le modalità organizzative di un moderno sistema sanitario. Scrisse e adottò per primo il protocollo di assistenza ospedaliera cinque secoli fa.

Pur seguendo le sue orme, l’impronta dell’insegnamento è comunque rimasta laica. L’università, inoltre, è stata già inclusa nella World Directory of Medical Schools, la lista delle principali scuole di formazione mondiali nelle professioni mediche. E questo nonostante il primo anno accademico ufficiale sia iniziato solo a novembre 2018.

 

La sede dell’UniCamillus, in via di Sant’Alessandro 8, è di recente costruzione. Dotata di laboratori funzionali e convenzionata con molte strutture esterne che mettono a disposizione degli studenti, camere e appartamenti dove alloggiare.

#FacceCaso

Di Tommaso Fefè

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0