Tempo di lettura: 3 Minuti

Recupero degli anni fuori corso: lauree online e soluzioni alternative

Recupero degli anni fuori corso: lauree online e soluzioni alternative

Fuori corso, una parola che terrorizza molti giovany e che, però, ha trovato un paio di "nemici" che corrono in soccorso agli studenti. Conosciamoli!

L’Università Statale di Milano taglia sei milioni di tasse
Uniplaces: ecco 5 paesi per giovani in cerca di lavoro
In a heartbeat, il cortometraggio che vi farà sciogliere il cuore

Fuori corso, una parola che terrorizza molti giovany e che, però, ha trovato un paio di “nemici” che corrono in soccorso agli studenti. Conosciamoli!

Sentendo il termine “fuori corso” gli studenti sanno bene di cosa stiamo parlando, visto che terrorizza un po’ tutti i futuri laureati. Essere fuori corso significare non riuscire a terminare gli esami nel lasso di tempo prestabilito dal proprio percorso universitario. In poche parole, per chi frequenta un corso di laurea triennale essere fuori corso significa non riuscire a finire gli esami entro i tre anni stabiliti.

I laureandi fuori corso, rispetto a quelli regolarmente in corso, hanno degli svantaggi significativi:

  • perdono i punti bonus assegnati alla fine del triennio a chi riesce a terminare il corso in tre anni
  • devono pagare una mora di 100 euro all’anno
  • perdono lo status di studente se non superano alcun esame per cinque/otto anni accademici consecutivi

Come terminare gli esami in tempo senza andare fuori corso? I motivi tipici del ritardo variano da studente a studente e possono essere diversi: dalla mancanza di tempo a causa del lavoro, a problemi familiari fino ad esami difficili e non superati. Qualsiasi sia la causa la prima cosa da fare è prendere carta e penna e fare il punto della situazione, quindi capire quanti esami mancano e quanto tempo si ha a disposizione per studiare.

Anche se gli impegni sono tanti, bisognerebbe fare una vera e propria tabella di marcia e dedicare una parte della giornata allo studio. Un esempio pratico potrebbe essere quello di stabilire di studiare almeno venti pagine al giorno e cercare di farlo sempre in una determinata fascia oraria, senza saltare nemmeno una volta la pianificazione. Inoltre un altro consiglio è quello di chiedere aiuto a chi ha già fatto gli stessi esami, perché potrebbe suggerire su quali parti di testo focalizzarsi e quali possono essere le domande più frequenti fatte dal professore in sede di esame.
Se nemmeno questo basta e si capisce che è difficile tenere il passo di una università “tradizionale”, una valida alternativa è quella di optare per una laurea online tra quelle disponibili per l’AA 2020/2021, erogata da una delle 11 università telematiche riconosciute dal MIUR.

Le lauree online hanno la stessa validità di quelle tradizionali, ma permettono di avere una formazione basata sulla tecnologia e-learning, ovvero fruendo di un’aula virtuale in cui poter seguire le lezioni 24 ore su 24, 7 giorni su 7.
Chi è iscritto ad un corso di laurea presso un ateneo tradizionale e decide di interrompere gli studi per proseguirli nella forma di una laurea online in un’università telematica non perderà gli esami fatti nella carriera universitaria pregressa. Tutti gli studenti possono chiedere infatti la convalida degli esami già sostenuti in passato: sarà una commissione interna ad ogni singolo Ateneo online a valutare il percorso universitario precedente e ad approvare o meno gli esami in questione. Quella di una laurea online potrebbe essere la soluzione migliore per scegliere in autonomia come organizzare il tempo per studiare e riuscire a laurearsi senza essere fuori corso.

#FacceCaso

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0