Tempo di lettura: 2 Minuti

Dopo il successo di “Ti volevo dire”, i Sierra tornano con “Fidare”

Dopo il successo di “Ti volevo dire”, i Sierra tornano con “Fidare”

Nuova release per i Sierra, che tornano oggi, venerdì 20 Ottobre, con il singolo “Fidare”, il brano che ci trasporta in un futuro immaginario. In u

FacceSapè: ecco la nostra intervista per l’album di Anna e L’Appartamento
Un martedì sera, il nuovo grido di aiuto (e d’esordio) di Bidibea
Giovanni Santese: lunedì 2 gennaio esce il nuovo singolo “Dobbiamo fare bellezza”

Nuova release per i Sierra, che tornano oggi, venerdì 20 Ottobre, con il singolo “Fidare”, il brano che ci trasporta in un futuro immaginario.

In uscita venerdì 20 ottobre su tutte le piattaforme digitali e distribuito da Ingrooves / Universal Music Group, “Fidare” è il nuovo singolo dei SIERRA, il duo romano tornato sulla scena musicale nel dicembre del 2022 con la pubblicazione di quattro brani a distanza di pochi mesi, “Solitudine”, “Poseidon”, “Carpe Diem” e “Ti volevo dire”.

“La porta del mondo non ha più il lucchetto
Ognuno che gode del suo spazio ristretto
Viviamo vicini solo per un giorno
E la notte faccio ciò che posso”

Il nuovo singolo, ”Fidare”, conclude un ciclo che si rinnoverà con un album a inizio 2024. Il brano ci porta in un futuro immaginario, un mondo in cui ci si auspica che umani e intelligenze artificiali convivano in armonia. Le melodie vocali riflettono l’ottimismo e la volontà di superare le barriere tra umani e macchine, mentre la scelta dell’accompagnamento di chitarra classica simboleggia la fede in un futuro condiviso.

I Sierra spiegano “Fidare è una canzone lontana. È un misto tra un incubo ed un sogno, non ha davvero un sapore positivo o negativo. Dentro c’è la speranza di un mondo più tangibile e sincero, ma anche la consapevolezza dell’inafferrabilità dei rapporti. Il mondo è distratto da ciò che è irreale e ci trascina in questo mare mosso dalla rabbia. L’unico appiglio sembra la fiducia reciproca, ma per quanto sarà sufficiente se il futuro non arriva? Mentre si cade si è soli. E la vita ci sembra solo un sogno, un incubo.” – e ancora – “Nella prima parte del brano si descrive una società immaginaria, dove tutto funziona bene e dove le persone sono in armonia tra di loro. Nella seconda metà si descrive invece la realtà nuda e cruda. Nei ritornelli c’è un botta e risposta tra fiducia e scetticismo.”

La penna dei Sierra, tagliente e malinconica, incide sulla carta la speranza di vivere serenamente in questo nuovo mondo, dove la felicità sembra essere qualcosa di mitologico.
In questo tempo, in continua e costante metamorfosi, cambia anche il modo di amare, di fidarsi dell’altro, incastrati in un loop in cui è sempre più difficile costruire rapporti umani.
Se da un lato ci si sente vuoti e impotenti di fronte a una società che non ci appartiene più, dall’altro c’è la volontà di trovare un equilibrio per stare bene.

Chi sono i Sierra

I SIERRA sono un duo musicale italiano formatosi nel 2017 e composto da Medium (pseudonimo di Massimo Gaetano) e Sila Bower (pseudonimo di Giacomo Ciavoni). Attivi dal 2017 nella scena alternative rap capitolina, pubblicano, in maniera indipendente e continuativa, mixtape, canzoni e video creandosi sin da subito un seguito. Nel 2019 sono saliti alla ribalta a livello nazionale quando sono entrati a far parte del cast della tredicesima edizione di X Factor Italia, dove sono arrivati tra i finalisti. Il loro singolo “Enfasi”, prodotto da Big Fish, ha raggiunto l’11ª posizione dei singoli più venduti e ha ottenuto la certificazione di Disco di Platino dalla FIMI con oltre 70.000 copie vendute a livello nazionale. Nel 2020 hanno pubblicato i singoli “Come mai”, “Senza di te” e “Alla fine ti passa”. Nel 2021 è uscito invece per Sony Music Italy il loro secondo album “Profondamente”, che è stato anticipato dal singolo “Mezze lune”. Dopo un periodo di pausa durato diversi mesi, il duo torna sulla scena musicale nel dicembre del 2022 con la pubblicazione di quattro singoli a distanza di pochi mesi, “Solitudine”, “Poseidon”, “Carpe Diem” e “Ti volevo dire”.

#FacceCaso

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0