Tempo di lettura: 2 Minuti

Scuola mia, quanto sei cara: dal Codacons 5 consigli utili per risparmiare

Scuola mia, quanto sei cara: dal Codacons 5 consigli utili per risparmiare

Riaprono le aule. I primi ad entrare sono gli studenti della Provincia di Bolzano. Genitori già pronti a tirare fuori i portafogli. Scuola mia, quanto

Dipartimenti di qualità, Benvenuti al nord…
Vincere 4.000 euro grazie ad un video? Non perderti l’occasione di provare!
L’ansia da social network si chiama Fomo

Riaprono le aule. I primi ad entrare sono gli studenti della Provincia di Bolzano. Genitori già pronti a tirare fuori i portafogli.

Scuola mia, quanto sei cara! Da oggi partono ufficialmente le lezioni. Si comincia dalla Provincia di Bolzano e poi via via tutte le altre Regioni. ‘Cara’, dicevamo. Perchè questa scuola ha costi tutt’altro che contenuti.
Ai blocchi di partenza, dunque, non sono solo alunni, cartelle e insegnanti, ma anche (e forse soprattutto) le varie sacrosante polemiche sul caro libri e su tutte le altre spese che le famiglie italiane dovranno sostenere nei prossimi giorni. I dati li fornisce il Codacons, che calcola una spesa di circa 1.100 Euro a studente. Cifra, questa, che comprende sia i costi del corredo scolastico (ossia quaderni, penne, diari ecc.), che dovrebbero aggirarsi attorno ai 500 Euro, che quella più pesante, cioè destinata ai libri. Ed è proprio sui testi che la bilancia oscilla paurosamente. Si può partire dai 280 fino ad arrivare a 600 Euro complessivi ad alunno, a seconda sia del livello di istruzione che delle valutazioni delle singole scuole.
Tanti soldi. Probabilmente troppi. Ed è qui che il Codacons scende nuovamente in campo, stilando 5 consigli utili per mamme e papà con l’obiettivo di arrivare a risparmiare fino al 40%.

Punto 1, tenere le televisioni fuori dalla portata dei bambini.

Misura drastica ma necessaria per allontanare i figli dallo sfarzoso mondo proposto dalle pubblicità. Esistono prodotti identici a costi molto più contenuti.

Punto 2, supermercato batte cartolibreria 4-0.

Snobbati da molti, i supermarket stanno mettendo in commercio in queste ore prodotti del corredo scolastico a prezzi davvero convenienti, detti ‘prezzi civetta’. E’ il caso di dirlo, #FacceCaso.

Punto 3, rimandare le spese a fine mese.

Inutile accaparrarsi tutto subito: il corredo scolastico non mancherà e scenderà via via di prezzo.

Punto 4, professor docet.

Ogni insegnante ha il suo metodo. Immaginate di comprare un righello giallo e scoprire il giorno dopo che il prof. lo pretende verde. Sembra assurdo, ma succedono spesso scenate simili. Aspettate i dettami dei docenti prima di comprare qualcosa.

Punto 5, occhio ai kit.

Kit, chi ti si fila! Sbagliato. Esistono numerosi kit a basso prezzo che comprendono diversi prodotti utili se non basilari per gli alunni.

Ormai si ricomincia. Scuola a tutti i costi? Sì, assolutamente sì. E’ anche vero, però, che cara scuola, a tutti costi… e tanto!

A cura di _Riccardo Zianna_

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0