Tempo di lettura: 3 Minuti

Una scacchiera per amica!!

Una scacchiera per amica!!

La campionessa di scacchi Judit Polgár ha ideato un modo creativo per educare piccoli studenti tramite una scacchiera. La 41enne ungherese Judid Polg

Virgilio occupato: ci risiamo
Il Politecnico di Torino è Il miglior ateneo al mondo per trovare lavoro
Hibye, scopriamo il nuovo social italiano

La campionessa di scacchi Judit Polgár ha ideato un modo creativo per educare piccoli studenti tramite una scacchiera.

La 41enne ungherese Judid Polgár fin da bambina ha sempre avuto fra le mani i pezzi di una scacchiera. Suo padre infatti aveva deciso di educare lei e le sue sorelle a casa, utilizzando anche gli scacchi per renderle delle vincenti e per far comprendere che la genialità si può creare.

Judit si è distinta sin da piccola vincendo sempre tornei, per arrivare poi da adulta a diventare campionessa del mondo. Dal 2014 ha però abbandonato l’agonismo per stare accanto ai suoi due figli, ritenendo importante la presenza costante dei genitori in un’età infantile.

Non ha però mai abbandonato del tutto gli scacchi, perché dal 2013 si è dedicata ad un progetto che in Bulgaria ha preso molto piede. Stiamo parlando del “Palazzo degli scacchi”.

Quest’ultimo prevede la presenza di una scacchiera di dimensioni umane all’interno delle scuole elementari, per consentire ai bambini stessi di essere di volta in volta un pedone, un cavallo, un re… In questo modo Judit sostiene che si possa stimolare al meglio la logicità dei bambini, portandoli a riflettere sulla mossa successiva, allenandoli alla riflessione e al calcolo delle mosse. Circa 250 istituti in Bulgaria sono forniti di questa scacchiera ed è presente una versione del gioco anche per le scuole materne.

Tutto ciò è ovviamente affiancato da libri di testo, applicazioni digitali, altri tipi di giochi, che possano far comprendere a pieno ai piccoli scolari il gioco degli scacchi.

Una iniziativa davvero lodevole che può influire positivamente sulla crescita e la formazione dei bambini.

#FacceCaso.

Di Sara Fiori

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0