Tempo di lettura: 1 Minuti

Quante borse di studio universitarie vengono realmente pagate in Italia dallo stato?

Quante borse di studio universitarie vengono realmente pagate in Italia dallo stato?

Scopriamolo insieme seguendo le tracce. Questa è la storia di uno studente modello italiano, l’ “idoneo non beneficiario”. Questa figura, nata dalla b

Legge di Bilancio: al via la rivoluzione universitaria
Secondo Almalaurea i dottorandi italiani guadagnano 800 euro in meno rispetto agli altri
Per i rifugiati un’università telematica

Scopriamolo insieme seguendo le tracce.

Questa è la storia di uno studente modello italiano, l’ “idoneo non beneficiario”. Questa figura, nata dalla burocrazia degli ultimi dieci anni, rappresenta uno studente che ha preso un voto alto alla Maturità, presenta una media universitaria superiore al 26, esami in regola e ha un reddito familiare inferiore ai 21mila euro annui. Suddetto studente avrebbe diritto ad una borsa di studio di euro 2mila circa (dipende dalla Regione) o di 5mila circa se fuori sede; avrebbe, perché cosi non è per tutti.

Uno su cinque resta a bocca asciutta. Perché? Innanzitutto, un’idea la possono fornire i dati che mostrano come in Italia vengano stanziati circa 600 milioni di euro l’anno per queste necessita, quando in Germania sono 4 miliardi e in Francia 3,6. Punto secondo perché i soldi, in parte, provengono dalla regione, e le regioni non hanno liquidità, soprattutto al Sud: “Nei nostri bilanci, costretti ogni anno a risanamenti, riusciamo a garantire 4,9 milioni per il diritto allo studio. Con fatica. I risultati sono le poche borse che onoriamo. A fine 2015 abbiamo tagliato l’agenzia regionale erogatrice e abbiamo girato il compito ai tre atenei regionali”, dice Salvatore Bullotta, assistente culturale del presidente della Regione Calabria. Ma vediamo un po’ di numeri. In Calabria si arriva al 38% di borse pagate, in Piemonte abbiamo l’85%, nel Lazio il 76%, in Puglia il 75% ed in Sardegna il 65% ha ricevuto i fondi. In Campania arriviamo addirittura al 50%, dopo la Calabria la peggiore, il che ci mostra come nel Sud Italia si arrivi a malapena, e spesso neanche vedi Calabria-Campania, al 2/3 di borse pagate.

Un’Italia ‘Made in Sud’? Beh, decisamente no…

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0