Tempo di lettura: 2 Minuti

Nuovi fondi europei e statali per l’istruzione ligure

37 milioni saranno disponibili per i prossimi tre anni. E’ stato approvato oggi in Liguria il nuovo programma di sviluppo per l’università. L’iniziati

Sapienza a porte aperte
Let’s study legge!
Interaction Design: quando la tesi di laurea è un’app

37 milioni saranno disponibili per i prossimi tre anni.

E’ stato approvato oggi in Liguria il nuovo programma di sviluppo per l’università. L’iniziativa, di durata triennale, porta 37 milioni della Regione in dote alla Formazione e allo Sviluppo Economico: 25 di questi milioni arriveranno dai fondi Fesr (Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale, qui il link per i curiosi) 2014-2020, 10 dal Fondo Sociale Europeo 2014-2020 e circa 2 milioni da risorse sull’innovazione. Edorardo Rixi, già Assessore allo sviluppo economico e all’imprenditoria, si esprime così sul programma: “Il contesto economico ligure attuale vede un tasso ancora molto basso di imprese cosiddette tecnologiche, meno del 3% del totale, ma i dati sulle esportazioni ad alta tecnologia liguri hanno visto una crescita del 48% tra il 2008 e il 2014: è la dimostrazione che si può rispondere alla crisi puntando sull’innovazione”.

Sulla stessa linea i pensieri di Ilaria Cavo, anch’essa Assessore regionale, ma alla Formazione, Comunicazione e Politiche Giovanili: “Siamo la seconda regione, subito dopo l’Emilia Romagna, per grado di istruzione, ma abbiamo registrato un tasso di disoccupazione giovanile ben oltre il 35% del Nord Ovest. Le risorse del Fse stanziate andranno a finanziare dottorati e assegni di ricerca, come dimostra il fatto che i fondi stanziati in precedenza, circa dieci milioni di euro, siano andati tutti esauriti”.

Insomma risorse e progresso per la Liguria: rilanciarsi con i giovani e per i giovani, con l’aiuto dell’Europa.

Di Giulio Rinaldi

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0