Tempo di lettura: 3 Minuti

La tv del 2016 e il tracollo della tecnologia 3D

La tv del 2016 e il tracollo della tecnologia 3D

Il 2016 si profila come l’anno dell’atterraggio finale di una tecnologia che in fondo non ha mai preso piede. Samsung e Philiphs dicono NO alle funzio

Didattica Immersiva, la scuola 3D che ci piace
Microsoft e il primo passo verso il teletrasporto
Dante in 3D? Sì giovany, ed è stato spiegato e riassunto anche divinamente!

Il 2016 si profila come l’anno dell’atterraggio finale di una tecnologia che in fondo non ha mai preso piede. Samsung e Philiphs dicono NO alle funzioni 3D.

Quanti di voi a casa hanno la tv 3D? Se non siete tra i fortunati che hanno risposto SI, non vi preoccupate, a quanto pare non siete gli unici. Quella che si era prospettata come la rivoluzione dell’home entertainment in realtà si è rivelata un flop. Il 2016 si profila come l’anno dell’atterraggio finale di una tecnologia che in fondo non ha mai preso piede.
Ad avvalorare la tesi il CES di Las Vegas, lo stesso che nel 2010 puntava tutto sulla tv del futuro e che quest’anno ha dedicato alla tecnologia 3D uno spazio davvero ridotto. Per accorgersi del declino di questo tipo di tecnologia, non serve però andare troppo lontano. Vi basterà prendere la macchina e fare un giro al centro commerciale per accorgervi che in realtà si tratta di prodotti riservati ad una fascia troppo ridotta di consumatori.
Forse è per questo che aziende come Samsung e Philiphs hanno deciso che nessun modello in commercio nel 2016 avrà funzioni 3D. Lo sguardo è rivolto a migliorare tecnologie più tradizionali. Le parole chiave, a questo proposito, sono 4K e OLED “In termini di qualità non esiste paragone tra i vecchi modelli a pixel retro-illuminati e nuovi prodotti come il 55” OLED a schermo piatto che abbiamo appena presentato” afferma Paolo Sandri di LG.
La colpa del tracollo va data sicuramente anche ai broadcaster che a detta di Sandri, fatta eccezione per Sky, mettono a disposizione del pubblico una quantità ridotta di programmi in questo formato. A ciò va aggiunta la scomodità degli occhialini, necessari per provare l’esperienza tridimensionale.
Speriamo che la realtà virtuale e il nuovo VR non facciano la stessa fine, staremo a vedere.. per il momento intano #FacceCaso!

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0