Tempo di lettura: 3 Minuti

Una voce per gli studenti disabili

Il liceo Manzoni di Caserta è il vincitore del concorso ministeriale che ha per scopo lo svolgimento di progetti di inclusione per i disabili. Unico i

Gli studenti del Collettivo universitario di Napoli come La casa di carta
Docente accoltellata, alunno allontanato dalla scuola
Caserta: un genitore aggredisce l’insegnante. Ancora.

Il liceo Manzoni di Caserta è il vincitore del concorso ministeriale che ha per scopo lo svolgimento di progetti di inclusione per i disabili. Unico in tutto il Meridione.

Di Silvia Carletti

Finalmente arrivano risposte per i ragazzi portatori di handicap e per le loro famiglie.

Il liceo casertano “Manzoni” che ha vinto il concorso del Ministero dell’Istruzione e della Ricerca è l’unico nel Sud Italia a disporre di mezzi e progetti finalizzati all’integrazione e al sostengo di ragazzi disabili.

È la nuova “stella” del Meridione che, vincitrice, ora raccoglie attorno a sé le adesioni di moltissimi studenti e il supporto di anche altri istituti del territorio. Già negli anni passati la preside Adele Vairo aveva intrapreso percorsi formativi per docenti di sostegno e Sportelli di Ascolto e di Autismo perché i suoi studenti, anche quelli con difficoltà, potessero svolgere una vita regolare tra i banchi della scuola, senza discriminazioni.

Il progetto si propone di organizzare una rete di comunicazione e di collaborazione tra scuole del casertano e i gruppi associazionistici che si occupano dei problemi dei giovani diversamente abili, come la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap. Nelle scuole del Sud un’operosità simile non è mai stata conosciuta: la maggior parte delle strutture scolastiche sono inadeguate per ospitare giovani disabili, i docenti abilitati al sostegno sono pochi rispetto al numero dei richiedenti e solitamente questi ragazzi devono in qualche modo “adattarsi” al contesto che vivono, seppur con realtà personali molto diverse.

Adattamento non è sinonimo di integrazione: ciò che si augura la preside del Manzoni è di poter essere d’esempio a molti altri istituti che ancora non hanno adottato una metodologia didattica adatta a soddisfare le esigenze degli alunni e dei famigliari. Fondamentali, per questo, gli insegnanti, che nell’accompagnare passo dopo passo gli studenti verso una vita di relazione hanno un ruolo molto importante quanto delicato.

Di Silvia Carletti

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0