Tempo di lettura: 2 Minuti

Caserta: un genitore aggredisce l’insegnante. Ancora.

Caserta: un genitore aggredisce l’insegnante. Ancora.

Questa volta ci troviamo alla scuola dell’infanzia e non c’entrano i bambini ma un genitore. “Quando andavo a scuola io il professore aveva sempre la

34enne italiano in coma per aggressione
Docente aggredita da una mamma!
Bari, in quattro aggrediscono il vicepreside

Questa volta ci troviamo alla scuola dell’infanzia e non c’entrano i bambini ma un genitore.

“Quando andavo a scuola io il professore aveva sempre la ragione e se tu non gliela davi, ci pensava lui…” sarebbe la frase tipica di un qualunque nonno, o almeno è quella del mio dopo aver letto questa notizia.

Siamo passati un po’ da un estremo ad un altro: prima che i ragazzi non si sarebbero mai permessi di correggere o contestare la scelta o decisione di un professore, questo perché era così che veniva insegnato dalle famiglie, ed invece ora il modo maggiormente usato per colloquiare con i docenti è aggredirli, strano vero?

Ma se poi è un genitore ad aggredire una maestra?

Purtroppo non è una supposizione ma è la realtà: è successo a Caserta, nel pomeriggio del 19 febbraio. Sono circa le 16,30 e grembiulini blu e bianchi corrono verso i loro genitori, sembra proprio un bel momento, e invece no: una bambina esce piangendo motivando ciò a suo padre con una correzione avvenuta poco prima da parte della maestra durante la lezione di ortografia (fin qui tutto normale).

Ciò che è fuori dal normale è la reazione del padre che ha deciso di coprire di insulti la maestra ma che è stato poi condotto alla porta, per fortuna. E quando un bambino di quattro anni arriva a casa ed alla domanda “Che cosa è successo oggi a scuola?” risponde che la maestra l’ha corretta, è ovvio che la madre decida di dirigersi verso la scuola con l’intenzione di far capire il suo dissenso non con le parole ma con le mani. Trovata la docente, ancora in classe con degli alunni, ecco che si svolge l’aggressione che consisterebbe nello sbattere la maestra contro il muro afferrandola per il collo.

Cari genitori, a scuola avreste bisogno di andarci anche voi.

Psss ve ne avevamo parlato anche qui.

#FacceCaso

Di Claudia Biasci

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0